“Otaku” a lutto: in Giappone chiudono i ‘Gundam Cafè’

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 nov. (askanews) - Una notizia ferale per tutti gli otaku - i "nerd" giapponesi - e gli appassionati di manga, anime e mecha (cioè i cartoni animati con protagonisti robot): Gundam Café ha annunciato la chiusura di tutti e quattro le sue sedi, a partire da quella storica del quartiere tokiese di Akihabara, la "mecca" degli otaku.

L'ultimo giorno di attività dei Gundam Café sarà il 10 gennaio. Oltre alla storica sede di Akiba, chiuderanno i battenti anche le sedi dell'area di Odaiba, quella di Fukuoka, mentre il café della Gundam Factory di Yokohama a marzo 2022.

Il Gundam Café di Akihabara, il capostipite della catena, è attivo da aprile del 2010 e per oltre un decennio ha attirato l'attenzione degli appassionati di Gundam, uno dei più celebrati "mecha", e di curiosi e turisti stranieri.

Nella breve comunicazione, Gundam Café non ha precisato i motivi della decisione. Certo è che, con il crollo del turismo a causa delle restrizioni contro il Covid-19, Akihabara e tutte le attività legate al turismo hanno subito una forte contrazione delle entrate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli