A ottobre in Fiera Milano Tuttofood e Host per cogliere la ripresa

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 29 set. (askanews) - Sono 2.200 gli espositori provenienti da più di 40 Paesi che arriveranno in Fiera a Milano per un doppio appuntamento dedicato al settore agroalimentare: dal 22 al 26 ottobre infatti nei padiglioni di Rho prenderanno vita Host, la fiera dedicata all'ospitalità, e Tuttofood, piattaforma dell'agroalimentare a cui si unirà anche la più piccola Meat-Tech. "Racconteremo il meglio della produzione a livello globale - ha assicurato Luca Palermo, amministratore delegato e direttore generale di Fiera Milano - Tra i buyer confermati, abbiamo operatori provenienti non solo da tutta Europa, ma anche da Nord e Sud America e Medio Oriente. Oggi più che mai le manifestazioni fieristiche sono un driver di sviluppo al servizio delle imprese e dei settori industriali".

Palermo ha detto di avere "aspettative ottime" rispetto ai visitatori sottolineando l'importanza di "una visitazione qualificata per fare business" che premia rispetto alla "quantità". "Ci aspettiamo visite di qualità - ha ribadito - Sicuramente stiamo notando che la necessità di rivedersi in presenza viene confermata. L'Italia a differenza di altri Paesi con la scelta del green pass obbligatorio sta rendendo gli espositori e i buyer più sicuri nel venire, e questo non è disincentivante anzi. Tutti gli elementi di sicurezza, anche le decisioni politiche forti, ci stanno facendo ripartire".

"La prossima edizione di TuttoFood che quest'anno comprende anche Host e Meat-Tech, dimostra la capacità delle nostre imprese di fare sistema. L'Ice ha stanziato 2,5 milioni di euro sulle tre manifestazioni utilizzati dalla Fiera per portare buyers dall'estero e spingere la comunicazione dell'evento sull'estero" ha detto il presidente dell'Agenzia Ice, Carlo Ferro che ha ribadito la necessità di contrastare il fenomeno dell'italian sounding attraverso strumenti come "la blockchain perchè quelle per la tutela dei brand difficilmente sono battaglie che si vincono sul piano legale, dobbiamo vincerle col marketing. E la lettura di un Qr code che ci dica l'origine di quel prodotto può essere una idea".

Solo TuttoFood potrà contare sulla presenza di 1.084 top buyer internazionali da 75 Paesi che avranno modo di esplorare le proposte di oltre 2.000 espositori e vedrà la presenza di Filiera Italia, la realtà associativa che riunisce il mondo agricolo e l'industria agroalimentare italiana insieme per difendere tutta la filiera agroalimentare nazionale.

Le due fiere milanesi sono state l'occasione anche per fare un punto sull'export dell'agroalimentare "uno dei pochi rimasto in territorio positivo rispetto all'anno precedente - ha evidenziato Ferro - se io comparo i sei mesi del 2021 ai sei mesi del 2019 si registra un +12,7%". Ma l'Italia dell'export resta profondamente divisa in due con un Nord che contribuisce per il 73,5%, il sud per il 16,3% e il centro per il 10,1%. Questo, ha osservato Ferro "è un tema comune a tutto l'export ma più marcato nell'agroalimentare. I temi su cui stiamo lavorando sono aiutare le imprese piccole a esportare e una opportunità è l'ecommerce: abbiamo creato 28 piattaforme di ecommerce, 19 riguardano prodotti della filiera agroalimentare e del vino. Qui le aziende che vengono dalle Regioni del Sud sono tra 30-35%. Un'altra opportunità dell'ecommerce è che poichè la vendita di alcuni prodotti non è supportata da catene di supermercati italiane all'estero l'ecommerce può essere d'aiuto".

"L'agroalimentare e l'arredamento rappresentano due autentici portabandiera della qualità italiana nel mondo, e l'evento di oggi dimostra che è possibile unire settori diversi accomunati da esigenze simili di proiezione verso mercati stranieri - dichiara Manlio Di Stefano, sottosegretario al ministero degli Affari Esteri - Si tratta di quello spirito di squadra che, come governo e come Farnesina, cerchiamo sempre di incoraggiare, e proprio per questo è una soddisfazione poter vedere una sinergia concreta da tempo auspicata in tutto il settore fieristico. Alla Farnesina siamo sempre in prima linea per internazionalizzare i nostri settori produttivi, a partire da quello fieristico, vero e proprio volano della nostra economia esportatrice e vetrina delle nostre eccellenze".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli