Over 80 convocati per vaccino a Codogno, ma il centro apre domani

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 23 mar. (askanews) - Anziani over 80 convocati in mattinata per la prima dose di vaccino al Palazzetto dello sport di Codogno (Lodi), ma l'apertura del centro vaccinale è in agenda solo domani. E' successo stamattina nel paese simbolo della prima ondata di Covid-19 in Italia. A rivelarlo l'Asst di Lodi: "Per un disguido tecnico i pazienti over 80 in lista per le vaccinazioni a Codogno sono stati erroneamente inviati presso il Palazzetto dello Sport" che aprirà "domani 24 marzo", si legge in una nota. La causa "è da imputarsi alla errata trasmissione ad Aria della data di apertura del nuovo hub vaccinale".

Il problema, ha rassicurato la Asst, è stato risolto in mattinata, consentendo al personale di reindirizzare gli utenti verso gli ambulatori dell'Ospedale di Codogno che era invece operativo. Contemporaneamente sono stati avvisati dello spostamento gli altri pazienti e ciò ha consentito "di vaccinare regolarmente i 104 cittadini in lista per il vaccino Pfizer e i 60 per il vaccino AstraZeneca".

L'Asst di Lodi si è voluta scusare con gli utenti per i disagi causati dall'errata comunicazione e ha voluto ringraziare per la collaborazione la Protezione Civile e il comune di Codogno. "La campagna vaccinale della Asst di Lodi, con l'apertura domani del terzo hub sul territorio lodigiano che si aggiunge a quelli già operativi di Lodi-Polo fieristico di San Grato e Sant'Angelo Lodigiano-Cupolone, prosegue seguendo il piano regionale".

In particolare gli over80 aderenti alla campagna e residenti nel territorio lodigiano sono 11.513. Di questi, 6.085 hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid. Si registrano, inoltre, ulteriori 1.109 over 80 che hanno ricevuto almeno una dose ma che non sono domiciliati nel territorio di competenza della Asst di Lodi. A oggi, si legge nella nota, il totale degli over 80 che hanno ricevuto la somministrazione di almeno una dose, comprensivo delle vaccinazioni effettuate presso le RSA, è pari a 8.421 persone.