Overbooking e rimpallo di responsabilità fra le compagnie aeree e il governo di Londra

Una pista dell'aeroporto di Heatrow
Una pista dell'aeroporto di Heatrow

Caos voli in UK con troppi biglietti venduti dopo la fine della pandemia, turismo in crescita febbrile e poco personale, il risultato? Centinaia di voli cancellati, 150 solo oggi primo giugno e passeggeri idrofobi. Fra overbooking e rimpallo di responsabilità fra le compagnie aeree e il governo di Londra la situazione non accenna affatto a migliorare. Negi aeroporti i voli resettati non si contano e le principali compagnie calano la scure: British Airways, la EasyJet e la Tui non hanno personale per gestire quella valanga di viaggiatori.

Caos voli in UK, cosa sta succendendo

I media del Regno Unito parlano di attese da incubo in scali come quelli di Londra come Stansted, Gatwick, e Heathrow o quelli di Manchester e Glasgow. E le compagnie? Per loro ci sono problemi causati dagli effetti ritardati, delle ondate di assenze fra lo staff. C’entrerebbero anche alcuni contagi Covid residui. Dal canto loro turisti e viaggiatori hanno denunciato gli intralci dei controlli aggiuntivi scaturiti dalla Brexit sui documenti e le carenze di vari servizi aeroportuali.

La linea del governo sulle cancellazioni

L’esperto di aviazione di Specialist Aviation Services Luke Farajallah ha detto alla Lbc: “Si tratta di circa il 20% dei voli che sono interessati in tutto il Regno Unito attraverso tutte le compagnie aeree e in tutti gli aeroporti”. E il governo? il Segretario ai Trasporti Grant Shapps ha ribadito che l’esecutivo aeva “fatto la sua parte” ed ha ricordato gli “otto miliardi di sterline” che erano stati dati al settore dell’aviazione durante la pandemia di Covid-19, nonché la legislazione volta ad accelerare l’assunzione di nuovo personale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli