Overdose da cocaina in gita scolastica, prete "sospeso dagli incarichi"


È successo mentre accompagnava un gruppo di alunni della scuola media Ollandini di Alassio, in provincia di Savona, in gita scolastica a Cremona: da un momento all'altro si è sentito male ed è stato soccorso dall'ambulanza, che lo ha portato d'urgenza in ospedale.

E il referto del malore dei medici è stato uno shock per tutti: il protagonista della vicenda, un prete di una parrocchia di Alassio, era in overdose da cocaina, assunta in grandi quantità poco prima di ritrovarsi con i ragazzi.


GUARDA ANCHE: Pedofilia, la vittima: basta segreto pontificio, denunciare i fatti


L'ospedale ha quindi chiamato i carabinieri, che hanno segnalato l'uomo per "possesso di stupefacenti per uso personale". Il prete è poi stato temporaneamente sospeso dal suo incarico pastorale. Nel frattempo, starebbe seguendo una terapia di disintossicazione e recupero.

L'episodio a dir poco sconvolgente risale allo scorso giugno ed è stato tenuto nascosto fino a quando qualcuno non si è fatto sfuggire una parola di troppo. La diffusione della notizia ha ovviamente costretto diocesi e scuola a dare delle spiegazioni in merito alla vicenda.


GUARDA ANCHE: Recita l’inno della Roma alle nozze in chiesa, prete furioso


"La questione è stata affrontata con tempestività. Non ci sono stati risvolti o danni a terzi, mi riferisco soprattutto ai minori", ha spiegato monsignor Giacomo Borghetti, vescovo di Albenga-Imperia, che ha precisato: "Il soggetto è stato ripreso da me, abbiamo parlato e ovviamente abbiamo concordato un piano terapeutico e di recupero e devo dire che è molto collaborativo".