Oxfam: in Paesi G7 al 20% dei lavoratori più poveri solo 5% reddito -2-

Cos

Roma, 22 ago. (askanews) - "Le elevate disparità economiche e sociali, cresciute significativamente negli ultimi trent'anni in molti Paesi del mondo, costituiscono tristemente uno dei tratti distintivi ed allarmanti del nostro tempo - ha dichiarato Francesco Petrelli, senior advisor di Oxfam Italia - Si tratta di un fenomeno profondamente nocivo per le nostre società, che mina le prospettive di uno sviluppo duraturo e sostenibile, ostacola la mobilità inter-generazionale, indebolisce il grado di coesione sociale".

Nel rapporto, Oxfam rileva alcuni ambiti su cui i Paesi del G7 stanno alimentando la disuguaglianza invece di contrastarla. Tra questi: la riduzione del grado di progressività dei sistemi fiscali nazionali, un carico fiscale eccessivo sul lavoro e sui consumi, un'inefficace azione di contrasto agli abusi fiscali, l'agguerrita corsa al ribasso in materia di fiscalità d'impresa, investimenti insufficienti o inadeguati nei servizi pubblici, l'erosione dei diritti dei lavoratori e la precarizzazione del lavoro, un sostegno limitato a modelli d'impresa non orientati all'esclusiva massimizzazione dei profitti per gli azionisti, ritardi o impegni disattesi nell'aiuto ai Paesi più poveri, la promozione a singhiozzo di misure per la parità di genere.

(Segue)