P.A., Garante Privacy: più tutele per chi segnala gli illeciti

Sav

Roma, 20 dic. (askanews) - Adottare ulteriori misure per proteggere l'identità di chi segnala riservatamente condotte illecite e quella dei presunti autori, delineare più precisamente i fatti che possono essere segnalati con il "whistleblowing" nella Pa, definire meglio il ruolo dei soggetti coinvolti. Sono alcune delle condizioni e osservazioni indicate dal Garante per la privacy nel parere sulla bozza di "Linee guida in materia di tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza in ragione di un rapporto di lavoro, ai sensi dell'art. 54-bis del d.lgs. 165/2001, (c.d. whistleblowing)", predisposta dall'Anac.

Le Linee guida - rivolte ai datori di lavoro in ambito pubblico, ma contenenti anche indicazioni per l'inoltro di segnalazioni da parte di dipendenti di imprese fornitrici di beni o servizi per la Pa - specificano le misure tecniche di base che le pubbliche amministrazioni, titolari del trattamento dei dati, dovranno adottare ed eventualmente ampliare, tenendo conto degli specifici rischi del trattamento e nel rispetto dei principi di privacy-by-design e privacy-by-default.

Il testo delle linee guida era stato inizialmente posto dall'Autorità anticorruzione in consultazione pubblica e poi integrato sulla base di una positiva collaborazione con il Garante per la privacy, così da rafforzare la tutela della speciale riservatezza dell'identità del segnalante e delle informazioni che facilitano l'individuazione di fenomeni corruttivi nella Pa. Tale collaborazione aveva portato anche a delineare meglio, ad esempio, il ruolo dei fornitori di applicativi e servizi informatici utilizzati per l'acquisizione e la gestione delle segnalazioni, nonché a proporre accorgimenti specifici per evitare la tracciabilità del segnalante.

(Segue)