P.A., riforma Brunetta in 6 mosse. Draghi: pubblico è centrale

·1 minuto per la lettura
P.A., riforma Brunetta in 6 mosse. Draghi: pubblico è centrale
P.A., riforma Brunetta in 6 mosse. Draghi: pubblico è centrale

Milano, 10 mar. (askanews) – Sei punti per riformare la pubblica amministrazione, un patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale: l’accordo firmato a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi, il ministro della Funzione pubblica, Renato Brunetta, e i leader di Cisl, Cgil e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra, e Pierpaolo Bombardieri, stabilisce che “coesione sociale e creazione di buona occupazione saranno i pilastri di ogni riforma e di ogni investimento pubblico” previsti dal recovery plan.

Si tratta di “un compito alto e impegnativo – si legge nel protocollo di 8 pagine – che richiede la responsabile cooperazione di tutti gli attori e di tutte le energie disponibili per trasformare la crisi innescata dal Covid-19 in un’occasione di cambiamento”. Il Paese “riparte dagli uomini e dalle donne della pubblica amministrazione”, è convinto il Governo.

Secondo Draghi “il patto è sicuramente un evento di grande importanza, è il primo passo ma molto se non quasi tutto resta da fare, c’è veramente molto da fare”. E Draghi ha parlato anche di formazione.

“Si spendono ben 48 euro per la formazione, e lo dico ironicamente, e un solo giorno alla formazione del personale pubblico. In questa situazione la pandemia ci ha fatto riflettere su tanti aspetti del nostro modo di vivere, ma certamente ci ha rivelato la centralità del settore pubblico nel proteggere il nostro modo di vita e la qualità della nostra vita”.

La pandemia e il Pnrr secondo il premier “richiedono nuove professionalità, investimenti in formazione e nuove forme di lavoro, se pensate allo smart working… in inglese, ci sarà pure una parola adatta in italiano per descriverlo… Vediamo come è cambiato il nostro modo di lavorare. Nuove professionalità richiedono investimenti e nuove regole, questo è quello che oggi stiamo cominciando”.