Pa: Anitec-Assinform, cresce procurement pubblico del digitale a 9,2 mld, +10% in 2020 (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Secondo gli analisti di Anitec-Assinform e di Promo Pa, "le evidenze raccolte costituiscono una base di riflessione oggettiva e puntuale per la definizione di nuove misure e interventi che ne migliorino tanto le tempistiche che l’efficacia, valorizzando il ruolo della domanda pubblica quale strumento di politica industriale". Stando alla dinamica del procurement Ict descritta dal Rapporto, nel 2020 in Italia, nel settore Ict sono state avviate 14.142 procedure di affidamento (Cig richiesti per adesioni ad accordi quadro e convenzioni o procedure di affidamento espletate in proprio dalle stazioni appaltanti) di importo pari a superiore a 40 mila euro, per un valore complessivo di 9,2 miliardi di euro. Si tratta di una crescita dell’1,4% come numero di gare e del 10% come valore complessivo rispetto al 2019.

L’osservazione della serie storica, sia quella realizzata sul perimetro più ampio di Anitec-Assinform sia quella sul perimetro più ristretto della Corte dei Conti, evidenzia un trend in crescita progressiva dal 2016 come numero di procedure e un andamento irregolare degli importi con un picco nel 2018 (quasi 10 miliardi di valore complessivo), un calo nel 2019 e una netta ripresa nell’anno della pandemia.

La ricerca di Anitec-Assinform e Promo Pa "vuole contribuire attraverso alcune proposte concrete al dibattito in corso sulla digitalizzazione del procurement, a partire dai 5 pilastri di intervento identificati da Anitec-Assinform che sono alla base di ogni possibile sviluppo del settore". I pilastri sono semplificazione, regolazione, governance, appalti innovativi e competenze digitali e, sottolineano le due associazioni. Cruciale "per affrontare la sfida della trasformazione digitale della Pa è il tema della 'qualificazione delle stazioni appaltanti' e della 'professionalizzazione del procurement', cogliendo anche l’occasione della riforma della Pa prevista dal Pnrr e che dovrebbe consentire di immettere nella a nuove risorse umane specializzate anche nel settore Ict" osservano Anitec-Assinform e Promo Pa. Nello Studio, infine, viene evidenziato l’impatto della digitalizzazione su alcune criticità 'storiche' nel procurement pubblico, in primis sui tempi – ancora oggi molto lunghi – del ciclo dell’appalto. Vengono poi evidenziate alcune best practices, che rappresentano la frontiera dell’innovazione nel nostro Paese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli