10 cose su Pablo Iglesias, il leader con il codino che conquista la Spagna

Ha sconvolto gli equilibri politici spagnoli e ora fa tremare l'Europa. Ma chi è il leader di Podemos, Pablo Iglesias? 37 anni, nato a Madrid nel 1978, è figlio di un avvocato del sindacato Commissioni Operaie (la madre) e di un docente di storia in pensione (il padre). Ecco alcuni dettagli da tenere a mente.

1 - Iglesias, fin dalla tenera età ha respirato, in famiglia, aria di politica: i suoi genitori, in particolare il padre, sono stati attivisti della sinistra spagnola, e hanno scelto per lui il nome Pablo in onore del fondatore del Partito Socialista Operaio Spagnolo (che si chiamava, appunto, Pablo Iglesias).


2- Dopo il divorzio dei genitori, Iglesias si trasferisce a Vallecas, uno dei quartieri più modesti e periferici di Madrid, dove abita ancora oggi. Successivamente si iscrive all’Unione delle Gioventù Comuniste di Spagna.


3 - Studia e cresce intellettualmente all'Università Complutense di Madrid, dove si laurea in Giurisprudenza, poi prende una seconda laurea in Scienze Politiche e consegue un dottorato, con una tesi sulla disobbedienza civile e le proteste contro la globalizzazione. Nel 2007 è vincitore di una borsa di studio e si trasferisce a Cambridge, in Inghilterra. 


4 - Dal 2008 diviene professore a contratto presso la facoltà di Scienze Politiche della Complutense, dove viene definito "insegnante brillante, iperattivo e abile nel guidare la protesta studentesca".


5 - Proprio alla Computense trova le radici Podemos. Insieme a studenti ed ex studenti Iglesias si muove per diffondere il suo pensiero, producendo programmi televisivi. Nel 2013 viene invitato a un dibattito televisivo su Intereconomia, un'emittente di destra. Il suo intervento desta l'attenzione di molti, e diviene ospite stabile nei dibattiti sui principali canali tv di Spagna.


6 - Il 17 gennaio 2014 nasce Podemos. Iglesias lo annuncia in un piccolo teatro madrileno. Alla base del progetto sono i circoli, assemblee degli "indignados", a cui si può partecipare di persona o di online. Olte 40mila persone firmano in 24 ore la petizione sul web per presentare la lista di Podemos alle elezioni per il parlamento europeo.


7 - Nel maggio 2014 si svolgono le Elezioni europee, primo test per Podemos. Un sondaggio rivela che solo l'8% degli spagnoli conosceva il partito, ma in molti conoscevano Iglesias. È la fama del giovane Pablo a trascinare Podemos verso un ottiom 8%.


8 - Il buon successo alle Europee fa sì che Podemos decolli nei sondaggi. Iglesias viene eletto segretario generale del partito, che promuove a Madrid una "Marcia del cambimento" a cui prendono parte 150mila persone, inebriate dagli appassionati comizi di Iglesias.


9 -  Lo scorso 5 maggio Podemos diffonde 215 proposte per cambiare la Spagna. I commentatori politici spagnoli osservano che Podemos oscilla tra socialismo democratico e un elettorato di sinistra a cui ha strappato molti voti. 


10 - La prossima grande sfida di Iglesias lo attende a novembre, quando si svolgeranno le elezioni politiche. Qui sarà candidato premier, e la sua eventuale elezione potrebbe sconvolgere in maniera irreversibile il panorama politico europeo.