Padel: Mondiali, Italia femminile vola in semifinale

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Dubai, 3 nov. – (Adnkronos) – Quattro partite, quattro vittorie. E semifinale mondiale in cassaforte. L’Italia femminile continua a incantare nella sedicesima edizione del World Padel Championships di Dubai, dove dopo aver vinto il girone a spese di una signora nazionale come il Portogallo, all’Aviation Club le azzurre hanno sconfitto anche la Germania, domata per 3-0 in una sfida a senso unico. L’occasione era troppo importante per fare scherzi, così le ragazze di Marcela Ferrari non hanno lasciato nulla al caso e senza particolari difficoltà si sono guadagnate una nuova semifinale iridata, dopo quella di dodici mesi fa. Vuol dire avere la garanzia di chiudere fra le prime quattro, ma il ruolino di marcia tenuto sin qui dalle azzurre impone di non accontentarsi.

Per chiudere i conti nella sfida del Campo 5 contro la Germania – seconda nel Gruppo A alle spalle della Spagna – sono bastati meno di 90 minuti, spalmati fra i 49 serviti a Roberta Vinci e Giulia Sussarello per battere Denise Hofer e Victoria Kurz (6-1 6-2 il punteggio) e gli appena 33 del duello fra la coppia Marchetti/Pappacena e le rivali Milla Blaschke e Saskia Kruse, che hanno conquistato il primo game della partita ma poi ne hanno ceduti dodici consecutivi, fino al 6-1 6-0 finale che ha garantito alle azzurre l’approdo in semifinale. A risultato acquisito è arrivata anche la terza vittoria dell’Italia, firmata da Carolina Petrelli ed Emily Stellato contro Kristina Clement e Corina Scholten, partite meglio (subito 3-0) ma poi rimontate e superate dalle azzurre, a segno con il punteggio di 6-3 6-2.

Nella semifinale di venerdì la nazionale femminile se la vedrà contro l’Argentina, che nei quarti di finale ha superato l’ostica Svezia. Sarà un duello molto complicato, contro un paese – otto volte vincitore del titolo mondiale con le donne – che può schierare quattro top-20 del ranking come Virginia Riera, Delfi Brea, Aranzazu Osoro e Claudia Jensen, ma anche Julieta Bidahorria e l’ex numero 1 del mondo Ceci Reiter. L’altra semifinale, invece, sarà fra le favorite della Spagna (comodo 3-0 al Portogallo) e la sorpresa Belgio, capace di battere in rimonta la Francia, semifinalista dodici mesi fa a Doha e poi superata dalle azzurre nella finale per il terzo posto.

Archiviata la delusione per l’amara sconfitta di mercoledì contro il Belgio, costata agli azzurri l’accesso ai quarti di finale, è tornata al successo anche la nazionale maschile di capitan Miguel Sciorilli, che sul Campo 4 ha dominato la sfida contro l’Ecuador, al debutto mondiale. È finita 3-0 in un duello mai in discussione, aperto dalla vittoria per 6-1 6-2 di Denis Perino e Marcelo Capitani contro Francisco Palacios e Juan Pablo Serrano, e chiusa dal 6-3 6-2 imposto da Riccardo Sinicropi e Lorenzo Di Giovanni a Julio Luzuriaga e Juan Martin Paredes. In mezzo il successo che ha garantito la vittoria finale, ottenuto da Simone Cremona e Marco Cassetta, che hanno vinto per la terza volta in quattro sfide (si sono arresi sono agli inarrivabili Tapia-Di Nenno) battendo per 6-0 6-4 Sebastian Armijos e Marco Larrea.

Nell’ultima sfida della loro spedizione negli Emirati Arabi Uniti, gli italiani si giocheranno il nono posto finale contro il Messico, che nell'altra semifinale del tabellone che mette in palio le posizioni dalla nona alla dodicesima ha sconfitto l'Uruguay per 2-1.