Padova, spara alla figlia poi cerca di uccidersi

Padova, spara alla figlia poi cerca di uccidersi

Un cittadino cingalese di 46 anni ha sparato alla figlia di 26 anni con un fucile, come riporta Ansa, ed è ora piantonato all'ospedale di Padova, in gravi condizioni. Dopo aver sparato alla figlia, hai tentato il suicidio, dapprima rivolgendo l'arma contro se stesso quindi cercando di impiccarsi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Usa, nel 2018 oltre 14mila morti per armi da fuoco

L'episodio è avvenuto ieri sera a Teolo, nel Padovano, dove la giovane svolge l'attività di badante presso una famiglia. L'intervento dei Carabinieri della Compagnia di Abano Terme ha evitato la morte dei due.

Secondo la prima ricostruzione fornita dagli investigatori, l'uomo ha raggiunto in casa la figlia e le ha sparato almeno due colpi con un fucile da caccia calibro 9, colpendola al volto e a un braccio. Subito dopo ha quindi rivolto l'arma verso di sé e ha fatto fuoco, ferendosi al volto.

LEGGI ANCHE: Influencer russa trovata a pezzi in una valigia

Il cingalese, nel tentativo di uccidersi, si è quindi procurato un laccio col quale impiccarsi a una trave della tettoia di casa. Il militari, arrivati sul posto, hanno tagliato il laccio e hanno adagiato a terra l'uomo, in attesa dei soccorsi. Gli operatori sanitari hanno quindi trasportato padre e figlia all'ospedale di Padova.

Il movente del gesto violento non è ancora chiaro. L'uomo, come disposto dal magistrato di turno di Padova, è stato arrestato per tentato omicidio ed è piantonato in ospedale dai carabinieri.