Padova, studente muore dopo la prima dose si eroina: arrestato pusher

Un ragazzo di 23 anni, Francesco Bertollo, è morto ieri a Cittadella a causa di un overdose. Per il giovane è stata fatale una dose di eroina, la prima della sua vita, iniettata dal suo stesso pusher.

Secondo le prime ricostruzioni sarebbe stato Ivano Sogliacchi ad aver venduto e successivamente somministrato la dose al giovane padovano, il pusher 49enne è stato arrestato per omicidio come conseguenza di un altro reato, ossia spaccio di eroina e cocaina. Le sostanze, ritrovate nelle vicinanze del giovane deceduto, sono state poste sotto sequestro e al vaglio degli inquirenti ci sarebbe anche la posizione un terzo uomo che si sarebbe trovato in casa al momento dell’iniezione letale.

Sogliacchi, condotto in carcere a Padova, durante l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Domenica Giambardella ha raccontato la sua versione, ovvero di aver sì venduto la dose di droga al 23enne ma di non avergliela iniettata lui stesso. Il gip ha deciso di convalidare l’arresto e di disporre la misura cautelare in carcere. “Era un ragazzo pieno di ideali, ora tutti dobbiamo farci un esame di coscienza”, le parole di Andrea Bertollo, fratello di Francesco, ai microfoni di NewsMediaset.

LEGGI ANCHE - Mamma Francesco: “Ecco il messaggio che mi ha scritto prima di andare dal pusher”