Padre confessa: "Ho ucciso le mie figlie perché si erano accorte che avevo strangolato la loro madre"


Quella di Chirstopher Watts è una storia straziante, se non incredibile. Originario del Colorado, negli Stati Uniti, 34 anni e padre di famiglia, nel 2018 si presentò in tv lanciando un appello disperato: sua moglie incinta e le sue figlie di 4 e 7 anni erano scomparse. Pochi giorni dopo, i cadaveri delle bambine e della donna furono ritrovati vicino all'ufficio di Watts, che confessò il loro omicidio.



I dettagli dell’omicidio in una lettera

A distanza di un anno da quel terribile gesto, una lettera agghiacciante scritta dallo stesso Watts (condannato all'ergastolo), spiega nei minimi dettagli cos'è successo quel giorno, e perché ha deciso di sterminare la sua famiglia.

Come riporta il DailyMail, Watts racconta che nella mattina del 13 agosto 2018 mise a letto le figlie nella loro casa. Passò prima dalla piccola Bella e la soffocò con il suo cuscino, per poi fare lo stesso con Celeste pochi minuti dopo.

Ma aggiunge anche di non essersi reso conto che le figlie erano ancora vive, e che fu costretto a strangolarle entrambe una seconda volta dopo che entrarono nella stanza dei genitori e lo videro mentre stava strozzando Shannan, la moglie incinta.

"Non so come mai fossero ancora vive, ma di fatto lo erano, il che rese il secondo atto molto più difficile". "Bella è stata l'unica a combattere. 'Papà, no!' mi diceva, perché sapeva cosa le stavo facendo. Sentirò la sua vocina nella mia testa per tutta la vita".

I loro cadaveri, conclude infine Watts, furono poi scaricati in una fossa in un giacimento petrolifero, dove la polizia li ritrovò qualche giorno dopo.


GUARDA IL VIDEO: I numeri del femminicidio


La storia con un’altra donna

Il motivo di un gesto tanto terrificante è stato spiegato così dalla legale della moglie e delle bambine: "Voleva iniziare la relazione con un nuovo amore, un amore che andava oltre la moralità e l’affetto per la moglie, le figlie e il bimbo non ancora nato. Mentre Shanann gli mandava messaggi, nei giorni prima della morte, lui scriveva all’amante a tutte le ore della notte. Mentre Shanann leggeva libri di auto-aiuto, lui cercava su internet luoghi di vacanza in cui andare con l’amante o gioielli da regalarle”.

Anche l'amante, interrogata dagli agenti, ha confermato che frequentava Watts da tempo e che l’uomo era in procinto di chiedere il divorzio e sposarsi con lei.