Padre costringe ragazzo a sposare la figlia: aveva perso la verginità

padre-figlia-ragazzo-modena

Triste episodio di disagio familiare quello che arriva da Modena, dove un padre 40enne di origine straniera voleva costringere un ragazzo a sposare la propria figlia 16enne dopo aver scoperto che quest’ultima aveva avuto il suo primo rapporto con il giovane. L’uomo ha aggredito il compagno della ragazza davanti a scuola accusandolo di aver disonorato la figlia e per questo obbligandolo ad un vero e proprio matrimonio riparatore per rimediare al “danno” causato. Il 40enne è stato in seguito denunciato dalle Forze dell’Ordine.

Padre costringe ragazzo a sposare la figlia

Secondo quanto ricostruito dagli agenti, l’uomo si sarebbe presentato davanti all’istituto scolastico frequentato dal ragazzo, aggredendolo per aver scoperto dal cellulare della figlia che i due avevano avuto il loro primo rapporto qualche giorno prima.

Il 40enne avrebbe affermato come, non essendo ormai più vergine, nessuno avrebbe voluto la figlia come moglie e che per questo motivo il giovane avrebbe dovuto sposarla. Un’antica consuetudine che oggi può apparirci retrograda ma che fino a pochi decenni fa era ancora di uso comune anche in alcune aree del nostro Paese.

La denuncia per costrizione al matrimonio

Successivamente all’accaduto, la Procura di Modena ha provveduta a denunciare l’uomo per il reato di costrizione al matrimonio. Una norma introdotta negli ultimi mesi grazie al recente decreto “codice rosso”, approvato dal Parlamento lo scorso 18 luglio al fine di combattere gli episodi di violenza domestica a danno di soggetti deboli come donne e bambini. Grazie alle testimonianze dei presenti davanti alla scuola, che hanno subito allertato i Carabinieri, si è potuto configurare per l’uomo il reato previsto dall’articolo 558 bis del codice penale.