Padre e figlio in ospedale dopo la vaccinazione: l'accusa della madre del 17enne

·2 minuto per la lettura
coaguli vaccino
coaguli vaccino

Arriva dagli Stati Uniti la storia di un padre e del figlio 17enne ricoverati in ospedale per dei rari coaguli de sangue che si pensa siano conseguenza della somministrazione del vaccino anti Covid. A lanciare le pesanti accuse è la signora Cherie Romney, moglie e madre dei due uomini ora in ospedale, che nel corso di un intervista televisiva ha puntato il dito contro i vaccini prodotti dalle cause farmaceutiche Pfizer e Moderna, a suo dire responsabili delle attuali condizioni di salute dei suoi familiari.

Usa, padre e figlio 17enne ricoverati per coaguli dopo il vaccino Covid Pfizer e Moderna

Intervistata nella giornata di mercoledì 16 giugno dall’emittente televisiva Fox News, la donna ha dichiarato: “Non c’è altra spiegazione per quello che è successo a mio figlio e mio marito, siamo abbastanza certi che sia stato un risultato diretto del vaccino.

La signora Romney ha poi raccontato che suo figlio, Everest Romney, ha ricevuto la sua prima dose di vaccino Pfizer lo scorso 21 aprile, iniziando a manifestare sintomi gravi all’incirca 24 ore dopo la somministrazione. La donna ha spiegato che anche suo marito Preston ha sofferto di coaguli dopo aver ricevuto l’iniezione del vaccino, questa volta con una dose di Moderna.

Usa, padre e figlio ricoverati per coaguli dopo il vaccino: i primi sintomi

Nel corso dell’intervista la donna ha in seguito illustrato i vari sintomi che hanno iniziato a colpire il figlio poco dopo la domministrazione del vaccino. Già la notta dell’iniezione il 17enne avrebbe iniziato a sviluppare gonfiore al collo, mentre cinque giorni dopo non sarebbe stato più in grado di muovere la testa: “L’ho portato dal pediatra e il pediatra ha detto che non ha nulla a che fare con l’iniezione”. Poco più di una settimana dopo il ragazzo era in terapia intensiva pediatrica con due coaguli di sangue nel cervello e uno nel collo.

Sorte simile anche per il marito Preston, che è stato ricoverato in ospedale: “Con oltre 100 coaguli di sangue nei polmoni”. La donna ha spiegato che suo marito ha dovuto rimuovere un quarto dei suoi polmoni per curare i coaguli. Operazione dopo cui è stato dimesso ed è ora in condizioni stabili.

Usa, padre e figlio ricoverati per coaguli dopo il vaccino: parla la madre

La signora Romney ha infine spiegato.: “Non pensavo che ci fosse la possibilità che mio figlio, mio ​​marito o me stessa sperimentassimo alcuni effetti collaterali significativi del Covid. Mio figlio è un atleta e ha solo 17 anni non rientrava in una categoria ad alto rischio, ma ci siamo sentiti sotto pressione per somministrare il vaccino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli