Padre muore per salvare la figlia disabile finita nel canale con la carrozzina

Lawrence e Jessica Casey
Lawrence e Jessica Casey

Lawrence Casey, di 86 anni, è morto per salvare la figlia disabile di 27 anni, finita nel canale con la carrozzina. L’uomo si è subito tuffato per aiutarla e ha perso la vita.

Ragazza disabile finisce nel canale con la carrozzina: il padre muore annegato per salvarla

Lawrence Casey, di 86 anni, si è tuffato nel gelido Bude Canal, nel nord della Cornovaglia, dopo che la figlia Jessica, di 27 anni, è finita nel canale con la carrozzina elettrica per disabili. Il fatto è accaduto il 1° settembre dello scorso anno. L’uomo è annegato per salvare la figlia, mentre Jessica è stata salvata da alcuni passanti. Secondo un’inchiesta presso il Coroner’s Court della Cornovaglia, nessuno ha visto Jessica, affetta da paralisi cerebrale, cadere nel canale. Alcuni passanti che facevano jogging si sono tuffati per tirare fuori la ragazza e cercare di salvare il padre.

I passanti hanno cercato di aiutarli

Secondo quanto riportato, Jessica usa una sedia a rotelle ed è aiutata nella comunicazione da un tablet. La madre Ruth ha dichiarato che il marito, da cui era separata, e la figlia uscivano spesso a fare passeggiate. “Jessica mi ha detto che in qualche modo è finita nel canale mentre era sul suo scooter per disabili. So che lei non sapeva nuotare, mentre Lawrence era un nuotatore molto forte” ha dichiarato la donna. David Flay, che si è tuffato nel canale per aiutare l’uomo, ha dichiarato di aver fatto tutto il possibile. “Presumo che sia finita in acqua e che il maschio, suo padre, fosse andato dietro di lei per salvarla. Non sono mai stato coinvolto in niente di simile prima. Non sono addestrato al pronto soccorso, ma ho fatto tutto il possibile per salvare la vita di quell’uomo e sono davvero dispiaciuto che non siamo stati in grado di farlo” ha spiegato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli