Padre siriano perde moglie e due gemelli nell'attacco chimico

“Avete ancora dubbi che sia stato usato il Sarin contro di noi? Le pupille non reagiscono! Abbiamo dei campioni. Qualcuno se ne interesserà?! Chi fermerà tutto ciò?”. (Credits – Twitter)

Un attacco terribile, micidiale, che ha lasciato a terra decine di morti, molti dei quali bambini. E mentre il mondo si divide tra chi accusa il dittatore siriano Assad di aver usato armi chimiche e chi lo difende, accusando i ribelli dell’Isis di avere armi vietate, la realtà è che in Siria si muore. Ogni giorno. E le vittime maggiori sono i bambini.

E in giornate terribili è ancora più toccante l’immagine apparsa sui social network e che mostra un padre siriano che stringe a sé i corpi senza vita dei suoi due figlioletti. Abdul Hamid Youssef è un giovane uomo che nell’attacco governativo dell’altro giorno ha pagato il costo più alto. 20 parenti sono deceduti sotto i bombardamenti di Assad e tra loro sono morti la moglie e i due piccoli figli, Ahmed e Aiya.

L’attacco governativo contro i ribelli martedì mattina ha provocato, secondo le prime stime, almeno 70 morti, tra cui 20 bambini, nella cittadina di Khan Sheikhoun. Se Assad e la Russia puntano il dito contro i ribelli per la strage, gli USA sono convinti che a causare la strage sia stato l’utilizzo da parte del regime di Assad del Sarin durante i bombardamenti.

Il Sarin o GB è un gas nervino della famiglia degli organofosfati classificato come arma chimica di distruzione di massa. Fu ottenuto per la prima volta alla fine del 1938 da scienziati tedeschi della IG Farben durante i tentativi di sviluppare sostanze ad azione biocida. Il Sarin colpisce il sistema nervoso degli organismi viventi. I primi sintomi dell’esposizione a Sarin sono difficoltà respiratoria e contrazione delle pupille. Segue una perdita progressiva del controllo delle funzioni corporee, spesso si verifica vomito e perdita di urina e feci. La parte finale dell’esposizione al gas consta in uno stato comatoso che porta al soffocamento a seguito di spasmi convulsivi.

A pubblicare le immagini della strage, compresa quella del padre con i due bimbi, è il Dr. Shajul Islam che ha twittato “Avete ancora dubbi che sia stato usato il Sarin contro di noi? Le pupille non reagiscono! Abbiamo dei campioni. Qualcuno se ne interesserà?! Chi fermerà tutto ciò?”.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità