Paesi Bassi, governo Rutte a rischio dimissioni per scandalo sussidi familiari

·1 minuto per la lettura
Mark Rutte, primo ministro olandese , durante un comizio ad Amsterdam

AMSTERDAM (Reuters) - Il primo ministro olandese Mark Rutte e i suoi ministri decideranno oggi se rassegnare le dimissioni a causa di uno scandalo relativo alla gestione dei sussidi familiari che, secondo un'indagine parlamentare dello scorso mese, ha gettato migliaia di famiglie sul lastrico.

Secondo l'inchiesta circa 10.000 famiglie sono state costrette a ripagare decine di migliaia di euro di sussidi, dopo essere state ingiustamente accusate di frode, con conseguenze come la perdita del posto di lavoro, la bancarotta o il divorzio. Nel report la cattiva gestione della questione, durata oltre un decennio, viene descritta come un'"ingiustizia senza precedenti".

Il governo è oggetto di crescenti pressioni affinché rassegni le dimissioni, con i partner di coalizione di Rutte che hanno detto che l'opzione deve essere presa seriamente in considerazione e il leader del partito laburista di opposizione che ha lasciato l'incarico per il suo ruolo nella vicenda.

Rutte ha detto nella tarda giornata di ieri di prevedere che il destino del suo esecutivo venga deciso durante una riunione di governo fissata oggi alle 11,00 ora italiana.

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)