I paesi che hanno introdotto l'obbligo vaccinale

·2 minuto per la lettura
Vaccino Covid
Vaccino Covid

In Europa l‘obbligo vaccinale è stato adottato dall’Austria, Grecia e Repubblica Ceca per over 60 e Italia per over 50. La Germania è ancora in stand by.

Stati con obbligo vaccinale nel mondo: dall’Italia all’Austria

L’Italia, con il nuovo decreto, si è aggiunta a quella parte ancora molto ristretta di Paesi che hanno deciso di introdurre l’obbligo vaccinale. Nel nostro Paese, infatti, l’obbligo è previsto per gli over 50. Diversi governi hanno deciso di adottare questa misura solo per alcune categorie di lavoratori. In Europa ha iniziato l’Austria. Vienna ha annunciato da tempo che a partire da febbraio renderà il vaccino obbligatorio per tutti gli over 14, con multe fino a 3.600 euro, ogni tre mesi, per chi non rispetterà questo obbligo.

Stati con obbligo vaccinale nel mondo: dalla Grecia alla Germania

La Grecia ha deciso di affrettare i tempi, ma l’obbligo sarà valido solo per una parte della popolazione. Scatterà già a partire dal 16 gennaio, ma riguarderà solo gli over 60. Per gli evasori è prevista una multa di 100 euro. A marzo partirà anche la Repubblica Ceca, con l’obbligo vaccinale solo per gli over 60. In Russia, l’obbligo riguarderà solo i residenti a San Pietroburgo, se anziani e affetti da patologie croniche. Per quanto riguarda la Germania bisogna ancora attendere.

Stati con obbligo vaccinale nel mondo: fuori dall’Europa

Fuori dall’Europa sono 5 i governi che hanno introdotto l’obbligo vaccinale. In Indonesia è previsto per tutti i 273 milioni di abitanti. Stesso provvedimento scelto anche dal governo della Micronesia, di soli 115.000 abitanti. Anche Tagikistan, Turkmenistan ed Ecuador hanno introdotto l’obbligo per gli over 18, mentre la Malesia per gli over 60. Nel mondo ci sono 21 Paesi, concentrati soprattutto in Europa, che hanno stabilito l’obbligo vaccinale per dipendenti pubblici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli