Paestum, riprendono gli scavi nel quartiere abitativo

Rus

Roma, 9 ott. (askanews) - Ripartono gli scavi stratigrafici nel quartiere abitativo di Paestum. L'obiettivo è di indagare meglio l'architettura domestica e la vita quotidiana all'ombra dei tre templi dorici di VI e V sec. a.C., emblemi della Magna Grecia. Lo scavo di una struttura in grandi blocchi, presumibilmente una suntuosa dimora appartenente all'epoca tardo-arcaica (intorno al 500 a.C.), fu avviato tre anni fa dal direttore del sito, Gabriel Zuchtriegel, nominato nell'ambito dell'autonomia concessa al Parco Archeologico di Paestum dall'allora (e attuale) ministro Dario Franceschini. Nel frattempo, le indagini si sono allargate a un'abitazione adiacente, costruita in maniera più modesta. Come sottolinea il direttore, "Desta interesse proprio la varietà economica e sociale in questo periodo cruciale per la città. Vogliamo comprendere meglio le dinamiche sociali e il tessuto economico che hanno permesso la realizzazione di opere come i templi dorici di Paestum e la Tomba del Tuffatore. Al tempo stesso, vogliamo rendere i visitatori e le scuole partecipi: come ogni anno, potranno seguire le attività di scavo durante visite quotidiane e sui social del Parco".

Anche quest'anno, lo scavo beneficia di due borse di studio finanziate dal Pastificio Di Martino - proprietario del marchio Antonio Amato. Due giovani archeologi, Rachele Cava e Guglielmo Strapazzon, sono stati selezionati sulla base di un bando nazionale e seguono le operazioni sul posto.

Il progetto #ilgustodellascoperta è stato avviato nel 2016 con una sponsorizzazione del Pastificio Amato che aveva destinato un contributo di 45mila euro per finanziare due borse di ricerca per tre anni.(Segue)