Pagano (Fi): no all'anonimato in rete, Camere ascoltino Mattarella

Pol/Luc

Roma, 2 gen. (askanews) - "Il Presidente Mattarella, nel suo discorso di fine anno, ha dedicato parole sagge al mondo dei social, stigmatizzando la violenza e l'anonimato in rete. Un appello che il Parlamento dovrebbe raccogliere affinché si intervenga per regolare quello che è divenuto più di un malcostume: utilizzare profili anonimi per compiere reati. C'è una mia proposta di legge ferma da oltre un anno, che prevede l'obbligo di presentare un documento di identità per iscriversi ai social. Di recente, anche l'onorevole Luigi Marattin ha elaborato una proposta simile. La volontà c'è, adesso manca un'ultima spinta: si calendarizzi il mio ddl e si inizi una discussione. Sono pronto ad accettare tutte le modifiche necessarie, ma occorre intervenire per colmare questo vuoto legislativo al più presto". Così in una nota Nazario Pagano, capogruppo di Forza Italia in Commissione Affari Costituzionali al Senato.