Pagare un burrito con i Bitcoin, tra poco sarà possibile

(Adnkronos) - Chipotle, gigante della ristorazione in America e famoso per i suoi burrito, permetterà presto ai propri clienti di pagare con le criptovalute Bitcoin, Ethernet e Dogecoin, con una mossa che potrebbe aprire alla massificazione di questi sistemi di pagamento. C'è un però: Chipotle accetterà le cripto solamente attraverso il sistema Flexa, una app che permette di collegare il proprio portafoglio digitale e che richiede a sua volta una connessione con altri servizi come Metamask o Coinbase. Insomma, un processo macchinoso e soprattutto che annulla il concetto "decentralizzato" delle criptovalute. Flexa nasce infatti come una scorciatoia per convertire istantaneamente in denaro i propri Bitcoin o simili, quindi non si utilizzeranno direttamente valute virtuali. Queste ultime, del resto, hanno nella volatilità del valore il proprio limite maggiore per diventare davvero mainstream: in sole 24 ore il valore dei Bitcoin può calare anche del 10 per cento.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli