Pakistan convoca ambasciatore Usa dopo tweet di accuse di Trump

Sim

Islamabad, 2 gen. (askanews) - Il Pakistan ha convocato l'ambasciatore americano in risposta alle dichiarazioni del presidente Donald Trump che ha minacciato di tagliare gli aiuti al Paese, accusato di mentire e di "proteggere i terroristi". L'ambasciatore David Hale è stato convocato ieri sera al ministero degli Esteri pachistano, ha detto un portavoce dell'ambasciata, che non ha voluto commentare l'incontro.

"Gli Stati Uniti hanno stupidamente dato più di 33 miliardi di dollari in aiuti al Pakistan negli ultimi 15 anni e loro non ci hanno dato nulla in cambio, eccetto menzogne e inganni, considerando i nostri leader degli idioti - ha scritto il presidente americano nel suo primo tweet del 2018 - stanno proteggendo i terroristi a cui stiamo dando la caccia in Afghanistan, senza il minimo aiuto. Basta!"

Islamabad ha subito replicato al tweet di Trump, attraverso il ministro della Difesa Khurram Dastgir-Khan, sostenendo di aver fatto molto per gli Stati Uniti, collaborando a "decimare" al Qaida, ottenendo in cambio solo "invettive e diffidenza".

(fonte Afp)