Pakistan, Imran Khan ferito da colpi d'arma da fuoco - Video

(Adnkronos) - L'ex primo ministro pakistano Imran Khan è rimasto ferito alla gamba da colpi d'arma da fuoco sparati durante la manifestazione alla quale stava partecipando a Waziraband, nella provincia orientale del Punjab. Il 70enne già capitano della nazionale di cricket è stato colpito con un'arma automatica mentre teneva un comizio appena fuori dalla città di Gujranwallah.

Arrivato nell'ospedale di Shaukat Khanum, Khan - che ha salutato i suoi sostenitori mentre veniva trasferito - è stato sottoposto a un intervento d'urgenza. ''I medici forniranno notizie dopo l'operazione. Servono preghiere per il completo e rapido recupero di Khan e di tutti i nostri colleghi feriti'', ha reso noto su Twitter il segretario generale del partito Pti Omar Ayub Khan.

Sette feriti e un morto, Muazzam Nawaz, il bilancio dell'attacco secondo quanto si legge in una nota diffusa dalla polizia del Punjab, che afferma che un sospetto è stato arrestato.

Intanto il ministro dell'Informazione Marriyum Aurangzeb ha chiesto alla polizia del Punjab di isolare la scena del crimine per favorire le indagini. In conferenza stampa a Islamabad il ministro ha dichiarato che "la polizia del Punjab dovrebbe sigillare immediatamente la scena del crimine - cosa che non viene fatta - in modo che si possano accertare i fatti". Ha anche esortato le figure politiche a non rilasciare "commenti irresponsabili". "Per favore, non fate politica sull'incidente e scegliete le parole con responsabilità".

''Volevo uccidere Imran Khan e nessun altro", ha confessato l'aggressore. ''Ho fatto del mio meglio per ucciderlo'' perché ''sta ingannando la gente'', ha detto in una dichiarazione video rilanciata sui social media, aggiungendo che Khan ''stava fuorviando la nazione e non potevo sopportarlo, non riuscivo nemmeno a guardarlo, quindi l'ho ucciso, ho tentato di ucciderlo". Si tratterebbe di un gesto premeditato perché, prosegue, stava pianificando il tentativo di omicidio da quando Imran ha lasciato Lahore. Ha invece smentito di avere complici e spiegato di aver agito da solo: ''Non c'è nessun altro con me. Sono solo'', ha dichiarato.

E' stato ''un attacco mirato'' quello sferrato contro l'ex premier, ha riferito il deputato del Pti Fawad Chaudhry all'emittente Aaj Tv, dicendo che tra le persone rimaste ferite nell'attacco c'è il senatore Faisal Javed che ha affermato a Geo Tv: ''Ci sono molti nostri colleghi feriti in ospedale, abbiamo sentito che uno di loro è morto''. Imran Ismail del Pti ha affermato che Khan è stato colpito a una gamba "tre o quattro" volte. Parlando a Bol TV, ha detto che era accanto all'ex premier quando è avvenuto l'attacco e ha visto l'aggressore armato con un AK-47. ''

Il primo ministro del Pakistan Shehbaz Sharif, che ha "condannato con forza" l'attacco, ha deciso di rinviare la conferenza stampa prevista sul suo recente viaggio in Cina. Sharif ha quindi incaricato il ministro dell'Interno Rana Sanaullah di chiedere un rapporto immediato alla polizia e alle autorità del Punjab su quanto accaduto, come si legge in un tweet dall'account Twitter ufficiale del governo pakistano.