Pakistan, rilasciati dopo 5 anni cristiani detenuti per proteste -4-

vgp

Roma, 30 gen. (askanews) - Concorda Alessandro Monteduro, direttore di ACS-Italia. «La felicità per il rilascio dei 42 cristiani, lascia comunque spazio all'amarezza. Possibile che abbiano dovuto passare cinque anni in carcere prima che potesse essere provata la loro innocenza? Come nel caso di Asia Bibi, che ha dovuto trascorrere ben 10 anni in prigione, questa vicenda rappresenta l'ennesima riprova dell'iniquità del sistema giudiziario pachistano nei confronti delle minoranze religiose. Quanti cristiani innocenti dovranno scontare lunghe pene di reclusione prima di ottenere giustizia?».