Palù: "La Cina non ha mai chiarito origini Covid, ma credo che a Wuhan si trattò di incidente di laboratorio"

·2 minuto per la lettura
- (Photo: Elisabetta A. Villa via Getty Images)
- (Photo: Elisabetta A. Villa via Getty Images)

Tra immunità di gregge impossibile da raggiungere e origini del Covid a Wuhan, fino alle nuove frontiere delle cure. È questo il cuore dell’intervista di Giorgio Palù, microbiologo, virologo e presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), tratta dal nuovo libro di Bruno Vespa, Perché Mussolini rovinò l’Italia, anticipata oggi con un estratto sul quotidiano La Stampa.

“Certamente il Covid-19 rimarrà con noi” mi dice Giorgio Palù. ”È il destino di tutti i virus pandemici. Come rimarrà? Non lo sappiamo con certezza, molto probabilmente in forma endemica. L’unico confronto possibile è con le pandemie da virus respiratori del passato: nel secolo scorso, quando avemmo le tre pandemie di influenza (la spagnola nel 1918, l’asiatica nel 1957, la Hong Kong nel 1968), il mondo era abitato, rispettivamente, da 1,7, 2,5 e 4 miliardi di persone. Oggi siamo a 8. Ma allora il virus non raggiungeva nicchie di popolazione isolate. Oggi il Covid è arrivato in Antartide”.

Il presidente dell’Aifa parla poi dell’immunità di gregge, descrivendola come un obiettivo non realizzabile:

“Non è possibile in un mondo globalizzato, con l’Africa non vaccinata e i casi che continueranno a crescere. Potremmo inoltre assistere a un ping pong tra uomo e animali. Il Coronavirus è il virus più diffuso tra gli animali e sono almeno dieci le specie in cui può insediarsi il Sars-CoV-2. I danesi hanno sterminato 20 milioni di visoni, ma non è sufficiente. Con il morbillo e la poliomielite, bastava vaccinare il 90 per cento della popolazione per avere l’immunità di gregge nei Paesi colpiti. Oggi, con il Covid e circa 2 miliardi di persone vaccinate e due terzi di mondo che non lo sono, la missione è impossibile, perché non ce la faremo mai a vaccinare il 90 per cento di una popolazione che viaggia da un continente all’altro”.

Ma lo scienziato è ottimista non solo sui vaccini (“indispensabili per evitare che l’infezione sia causa di malattia grave e per bloccare la pandemia”), ma anche sulle cure:

“Usciranno farmaci antivirali, come è capitato per l’Aids e per l’epatite C, la prima malattia da virus che stiamo “eradicando” con i farmaci”.

A quasi due anni dall’inizio della pandemia, ricorda Bruno Vespa nel libro, non è ancora stata fatta piena chiarezza su come si sia diffuso il virus nel mondo. Sul tema, Palù dice:

“L’allarme – è noto – fu dato dai cinesi in ritardo. La Cina non ha mai chiarito fino in fondo le cause dell’origine del virus. Personalmente credo che si sia trattato di un incidente di laboratorio a Wuhan. Era già successo in altri laboratori cinesi con virus e batteri altamente contagiosi, cosi come negli Stati Uniti e in altri posti. E, intanto, noi dobbiamo imparare a convivere con il Covid”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli