Palazzo Marino chiede la rimozione dei monopattini elettrici da Milano

monopattini milano

Palazzo Marino ha chiesto ai gestori dei noleggi di monopattini elettrici di rimuovere tali mezzi dalla città di Milano entro tre giorni. Infatti, nella lettera che il Comune ha inviato, è specificata la necessità di bandi e cartelli. Fino a quando questi ultimi non saranno previsti dalla legge, le aziende non potranno noleggiare nessun mezzo elettrico. Infine, sono previsti tre giorni per sgomberare le strade di Milano dai mezzi elettrici.

Milano, monopattini elettrici

Il Comune di Milano ha inviato nelle giornata di ieri, mercoledì 14 agosto, una lettera ai gestori dei noleggi di monopattini elettrici. La richiesta è chiara: non si potranno noleggiare tali mezzi fino a quando non saranno previsti cartelli e bandi dalla legge. Il comune milanese, inoltre, ha concesso un tempo limite di tre giorni per rimuovere tutti i mezzi dalle strade del capoluogo lombardo. Il prossimo 30 agosto è prevista la discussione della giunta comunale per la delibera di affidamento del servizio di noleggio dei monopattini elettrici.

I primi test

Con il decreto dello scorso giugno, il Comune aveva concesso ai monopattini elettrici di transitare sulle aree pedonali, oltre ai percorsi ciclo-pedonali e le strade fino a 30 chilometri orari. Con il suddetto decreto, inoltre, si chiedeva ai Comuni l’installazione di appositi cartelli segnaletici nei quali specificare dove sia possibile il transito dei mezzi elettrici. I primi test, infine, sono stati avviati già da tempo ma solo nelle aree pedonali (esclusi i marciapiedi), con velocità limitata a 6 km/h.