Palermo: controlli dei vigili urbani nella movida, sanzioni e sequestri

Palermo: controlli dei vigili urbani nella movida, sanzioni e sequestri

Palermo, 2 mar. (Adnkronos) – Proseguono i controlli notturni dei vigili urbani di Palermo sui locali della movida, predisposti "al fine di tutelare la quiete pubblica e di contrastare l'abusivismo commerciale nel rispetto delle norme relative alla somministrazione delle bevande alcoliche". Nel fine settimana gli agenti della P.M. hanno effettuato controlli nelle zone segnalate dai residenti ed in particolare in via Salvatore Marchesi e in Piazzetta delle Vergini, quest'ultimo congiuntamente agli agenti del Commissariato di Palermo Centro, elevando sanzioni per più di 14.000 euro. Nel sopralluogo effettuato in via Salvatore Marchesi gli agenti del CAEP hanno proceduto al sequestro amministrativo cautelare del pubblico esercizio con conseguente interruzione dell'attività abusiva, dove si svolgeva illecitamente la somministrazione di alimenti e bevande con annessa cucina laboratorio, senza le prescritte autorizzazioni amministrative e sanitarie. Al titolare sono state elevate sanzioni per 8.000 euro.

In Piazzetta delle Vergini gli agenti della P.M e del Commissariato di Palermo Centro, nel corso di un altro sopralluogo in un locale in cui venivano somministrati alimenti e bevande veniva accertata la mancata applicazione delle procedure del piano autocontrollo HACCP, mirato a garantire la salubrità degli alimenti e delle attrezzature destinate al contatto con le derrate alimentari e venivano accertate gravi ed evidenti carenze igienico sanitari. Nello specifico, nella zona cucina, gli alimenti erano detenuti in promiscuità con rifiuti ingombranti, i frigoriferi all'interno si presentavano sporchi, il pavimento si era sudicio e appiccicaticcio per la mancanza di una periodica pulizia, infatti dalla verifica del Registro dell'Autocontrollo, emergeva che l'ultimo check delle pulizie era stato effettuato il 28/11/2019.

Inoltre gli agenti hanno proceduto al sequestro amministrativo cautelare di 10 apparecchiature musicali, diffusori audio, console, mixer e controller, per cinque giorni, per diffusione musica all'esterno a porte aperte, oltre l'orario consentito, disturbando il riposo notturno. L'intrattenimento musicale è stato immediatamente interrotto; il locale era anche sprovvisto della prescritta relazione fonometrica delle apparecchiature elettroacustiche. L'ingresso era regolamentato da un operatore addetto alla sicurezza, privo del prescritto decreto prefettizio e l'impianto pubblicitario era abusivo. Al titolare sono state elevate sanzioni per oltre 6.000 euro".