Palermo, donna di 38 anni in gravi condizioni per una meningite

ambulanza

A Palermo una donna di 38 anni è attualmente in gravi condizioni per una meningite da streptococco, fortunatamente non contagiosa. La 38enne, ricoverata lunedì 23 luglio presso l’ospedale Villa Sofia del capoluogo siciliano, si trovava da circa cinque ore al pronto soccorso quando le improvvisamente le sue condizioni sono peggiorate rendendo necessario il ricovero. Secondo i medici la causa della meningite è stata la degenerazione di un’otite per cui la donna si era recata al pronto soccorso.

LEGGI ANCHE: Allarme meningite virale a Senigallia: 6 casi in venti giorni

Caso di meningite a Palermo

La diagnosi di meningite ha in poco tempo scatenato allarme tra il personale dell’ospedale palermitano, che ha subito adottato tutte le misure di precauzione necessarie, compreso l’uso della mascherina. Al momento la donna è stata trasferita in prognosi riservata nel reparto di rianimazione della struttura e le sue condizioni risulterebbero serie. In via precauzionale, l’uso della mascherina protettiva è stato consigliato anche ai pazienti presenti in quel momento al pronto soccorso. Malgrado come già detto la meningite della donna non sia contagiosa.

LEGGI ANCHE: Appello scienziati, social e governi devono sostenere obbligo vaccini

Le dichiarazioni dell’ospedale

In merito al caso, il personale dell’ospedale ha dichiarato in una nota: “Abbiamo effettuato tutte le analisi del caso e accertato che non si tratta di meningococco, ma di streptococco, quindi non è una forma contagiosa. La paziente è arrivata in ospedale in gravi condizioni per una otite che si è diffusa alle meningi, resta sotto stretta osservazione. Abbiamo distribuito in via precauzionale le mascherine ai pazienti presenti, come è previsto in questi casi fino alla relativa diagnosi. Ci sentiamo di tranquillizzare gli utenti, non si tratta di una forma con cui può avvenire il contagio”.