A Palermo la mostra "Alma Habanera" di Luciano del Castillo

Palermo, 12 nov. (askanews) - Un viaggio tra i colori e la magia delle strade dell'Avana, tra musica, allegria e poesia, a Palazzo Ziino a Palermo, la mostra fotografica di Luciano del Castillo "Alma Habanera". L'esposizione fino al 13 dicembre 2019, è una raccolta di 70 scatti a colori e bianco e nero che raccontano l'umanità e la vita della capitale cubana, che proprio a novembre festeggia i 500 anni dalla sua fondazione.

Per celebrare questo importante anniversario il fotografo palermitano ha voluto raccontare la città in modo autentico e mai scontato, attraverso il suo obiettivo, coglie un mondo pieno di vita e di passione tra decadenza e desiderio di modernità. Uno sguardo insolito e intimo sulla società cubana che riesce ad andare oltre gli stereotipi e le immagini da turisti.

"Sicuramente con l'arrivo della rete anche a Cuba qualcosa sta cambiando, ma la cosa fondamentale è che il carattere delle persone rimane immutato con il suo fascino. Perchè fotografare l'Avana? E' patrimonio dell'umanità e lo sono i suoi abitanti che non sono omologati, ogni scatto è a se, non c'è uno standard di bellezza imposto ma tutti si sentono belli e si offrono agli obiettivi per essere rappresentati e quindi sono storie"

Negli scatti di del Castillo c'è rispetto e amore per una società che ha fatto della bellezza una ragione di vita contro tutte le avversità.

L'esposizione, patrocinata dall'ambasciata di Cuba in Italia, la città di Palermo e l'assessorato alle Culture di Palermo è uno degli eventi organizzati all'interno di BAM - Biennale Arcipelago Mediterraneo dal titolo berMauer. E proprio la vocazione ad andare "oltre i muri" della biennale è il filo rosso che collega la mostra sui 500 anni dell'Avana e Palermo, città che è una sorta di cerniera culturale e politica tra i continenti, forte della sua vocazione transculturale.