A Palermo la mostra di Herman sull’inquinamento luminoso

·1 minuto per la lettura
featured 1600652
featured 1600652

Palermo, 26 apr. (askanews) – Il rispetto ambientale, in particolare gli effetti dell’inquinamento luminoso, è il tema della mostra personale “Esse” dell’artista israeliano Rafael Youssef Herman allestita nei saloni di Palazzo Sant’Elia a Palermo . “L’inquinamento luminoso è un tema ambientale che è stato un po’ tralasciato, e non è stato messo in primo piano con le altre sfide ambientali – ha spiegato Herman -. È un problema che tocca tutti gli aspetti della nostra vita e la vita del pianeta perché quasi l’85% di noi al mondo vive sotto cieli contaminati”, ha spiegato

Ispirata alla Sicilia, la mostra è rappresentata da una esse rovesciata quasi ad evocare il segno dell’infinito descritto da Herman stesso come un “infinito incompleto” . “Sono arrivato a scoprire questo problema perchè cercando luoghi puliti da contaminazione ho visto che è sempre più difficile trovare luoghi con oscurità naturale – ha proseguito Herman – Buio naturale non vuol dire buio pesto perchè il buio pesto è una condizione artificiale, ma il buio naturale è un buio non contaminato dalla luce prodotta da città e villaggi di notte. Era una sfida come lo è in altri luoghi nel mondo”.

L’esposizione, curata personalmente dall’artista, sarà un evento in continua evoluzione ponendo al centro l’idea che la realtà è di per sé qualcosa di falso, condizionata dalla visione stessa e dalla luce che cambia continuamente. “Attraverso il mio lavoro è una missione che spero che la consapevolezza del pubblico cresca per poi creare un cambiamento a livello personale di ognuno, individuale, e anche della società”, ha detto l’artista. La mostra resterà aperta fino al 22 giugno 2022.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli