Palermo, picchia la moglie per delle chat sui social: arrestato

·1 minuto per la lettura
Palermo, maltrattamenti donna
Palermo, maltrattamenti donna

Un uomo ha aggredito la moglie perché messaggiava sui social. Un insensato scatto d’ira e violenza che ha presto allarmato il figlio della coppia. Quest’ultimo è riuscito ad evitare ulteriori danni, mettendosi tra i due e allertando le forze dell’ordine.

Palermo, 46enne arrestato per maltrattamenti

I fatti sono avvenuti a Partinico, in provincia di Palermo. L’uomo, 46 anni, ha assalito la moglie dopo averla scoperta a chattare al cellulare. Facendo ciò, ha tentato di prenderle il telefono per capire con chi si stesse scrivendo. Nonostante fosse poi riuscito ad impossessarsi del dispositivo, ha continuato comunque a picchiarla e strattonarla. Il tutto è stato, inoltre, accompagnato da una grande quantità di offese.

Il trambusto creato dalla situazione ha attirato l’attenzione del figlio. Il giovane si è quindi messo tra i due, utilizzando il proprio corpo come “scudo” per proteggere la madre. Ha nel frattempo contattato la polizia. Grazie al suo intervento, il padre è finito in manette “per maltrattamenti in famiglia”, colto direttamente “in flagranza del reato”.

Secondo ciò che i media hanno riportato, non è la prima volta che nella famiglia avvengono eventi del genere. L’intromissione del figlio è stata a dir poco provvidenziale. Il ragazzo ha fatto si che la madre non subisse danni estremamente gravi a causa delle percosse. Nonostante ciò, fino all’arrivo della polizia, entrambi hanno comunque continuato a ricevere ulteriori colpi da parte dell’uomo.