Palermo, presentato oggi il "Festino che non c'"

Gca

Palermo, 25 giu. (askanews) - "Abbiamo vissuto un momento particolarissimo che ci ha visto nella massima trepidazione, nella precariet, nella separazione. Rosalia interviene sempre come donna che ci assicura che questi momenti cos tristi fanno parte di una realt molto pi ampia che di vita e speranza. La separazione ci ha chiesto di moltiplicare la solidariet e la prossimit e penso che questo sia il messaggio che arriva da questo Festino atipico: quello di rimanere uniti. Perch questo ci che spetta alla nostra citt, lo stare insieme, lo stare uniti nella difficolt che vive la citt degli uomini. Il resto, soprattutto per chi soprattutto ha fede, anche nelle mani di un Dio che vuole che gli uomini conoscano vita, vita in abbondanza". Cos l'Arcivescovo Don Corrado Lorefice, e il Sindaco Leoluca Orlando hanno introdotto oggi presso il Palazzo Arcivescovile le iniziative organizzate in onore di Santa Rosalia, in prossimit delle date del 14 e 15 luglio, che tradizionalmente ospitano il "Festino" e le celebrazioni religiose. A spiegare il senso del "Festino che non c'" stato il Sindaco Leoluca Orlando che ha ricordato come l'Amministrazione comunale, tramite l'Assessorato alle Culture, "ha scelto di non rinunciare a celebrare al meglio il legame fra la citt e la "Santuzza", pur volendo rispettare al massimo le misure precauzionali legate al contrasto della diffusione del Covid-19."