Palermo, ragazza di 13 anni morta all’ospedale Di Cristina: la Procura dispone l’autopsia

·1 minuto per la lettura
ragazza morta ospedale palermo
ragazza morta ospedale palermo

Tragedia a Palermo, dove una ragazza di 13 anni è morta all’ospedale Di Cristina dopo essere stata ricoverata in gravi condizioni. La Procura ha disposto l’autopsia e il padre ha raccontato tutti ciò che è avvenuto prima del decesso.

Ragazza di 13 anni morta a Palermo

I fatti hanno avuto luogo mercoledì 17 novembre 2021, giorno in cui i sanitari hanno dichiarato la morte cerebrale dell’adolescente. A ricostruire i contorni della vicenda è stato il padre che, intervistato da Palermo Live, ha spiegato che Elena Casamento, questo il nome della vittima, soffriva da tempo di epilessia ma lo aveva scoperto solo ad agosto. I medici le avevano dunque dato sia la terapia quotidiana sia il farmaco salvavita in caso di crisi.

Lei, alle volte anche per la patologia, passava a volte la notte insonne e così è successo lunedì 15, quando mi ha detto che non aveva dormito e che mancava il caffè a casa, quindi di sbrigarmi a prenderlo al supermercato“, ha ricostruito. Sentendosi stanca, dopo scuola la giovane è andata a riposarsi mentre il padre è uscito per fare delle commissioni.

Dopo diverse ore, si è reso conto insieme alla moglie che qualcosa non andava e che Elena era priva di sensi. “Provvediamo ad eseguire il messaggio cardiaco e a prendere il farmaco salvavita per cercare di farla rinvenire, ma non rinveniva perché probabilmente era in arresto cardiaco“.

Ragazza di 13 anni morta a Palermo: indagini in corso

I genitori della 13enne hanno quindi chiamato i soccorritori del 118 che, al loro arrivo, l’hanno rianimata con il defibrillatore e trasferita in ospedale d’urgenza. I medici hanno fatto tutti i tentativi per salvarla ma si sono resi conto che la parte cerebrale era danneggiata: Elena era andata in ipossia per mancanza di ossigeno. A distanza di poche ore è sopraggiunto il decesso.

La Procura ha aperto un’indagine sul caso e disposto l’autopsia sul corpo della ragazza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli