Palermo, super boss della mafia percepiva reddito di cittadinanza

Palermo, super boss della mafia percepiva reddito di cittadinanza

Gaetano Scotto, noto boss arrestato martedì 18 febbraio con l'accusa di associazione mafiosa, percepiva regolarmente il reddito di cittadinanza. Lo ha dichiarato lui stesso durante l'interrogatorio di garanzia davanti al gip.

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, record di acquisti di Dom Perignon

L'inchiesta, coordinata dalla Dda di Palermo, ha portato in cella otto mafiosi del clan dell'Arenella. Scotto, coinvolto nell'indagine sulla strage di Via D'Amelio, era stato scarcerato nel 2016

LEGGI ANCHE: Reddito di cittadinanza, quante persone hanno trovato lavoro?

Gaetano Scotto è indagato anche per l'omicidio dell'agente di polizia Nino Agostino e della moglie Ida insieme al boss Nino Madonia. Nei giorni scorsi il procuratore generale Roberto Scarpinato, ha inviato un avviso di chiusura indagine, che prelude a una richiesta di rinvio a giudizio. 

LEGGI ANCHE: Roma, spacciatore percepiva reddito di cittadinanza: arrestato

Agostino e la moglie furono assassinati davanti alla loro casa di villeggiatura a Villagrazia di Carini la sera del 5 agosto 1989. In questi 31 anni l'inchiesta si è dovuta confrontare con molte ombre e con tentativi di depistaggio contro i quali si è battuto il padre di Nino, Vincenzo Agostino. Scotto ha sempre negato di appartenere alla mafia e di essere coinvolto nell'omicidio di Villagrazia di Carini.

GUARDA ANCHE - “Governo crei reddito cittadinanza per orfani femminicidio”