"A Palermo tsunami di positivi"

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 31 dic. (Adnkronos) – Il serpentone di auto in fila per fare il tampone sfiora il chilometro di lunghezza. Forse anche di più. Macchine ovunque, a perdita d'occhio. Tutti aspettano di fare il tampone antigenico. Gratis. E due su dieci risultano positivi, a volte anche di più. Il commissario straordinario Emergenza Covid per la provincia di Palermo, Renato Costa, gira per i padiglioni della Fiera accompagnato da Marcello Capetta del Front Office. Costa allarga le braccia e dice all'Adnkronos: "Stiamo affrontando un vero e proprio 'tsunami' di positivi. Lo stiamo gestendo non senza difficoltà, ma lo stiamo gestendo comunque, con una serie di provvedimenti estemporanei che stiamo prendendo, ad esempio l'aumento delle ore di disponibilità o rinforzare i nostri organici". "Il problema non è solo dei due positivi su dieci tamponi fatti – spiega Costa -ma i positivi che sono a casa o in ospedale. Abbiamo una crescita numerica importante. Del resto se in Italia siamo arrivati a 130 mila ci sarà un motivo".

In Sicilia non si riscontrano, al momento, le criticità emerse in altre regioni italiane, come in Lombardia. "Noi stiamo rispondendo bene, stiamo dando risposte a tutti – dice – speriamo di poterlo continuare a fare. Finora ci siamo riusciti". Costa è convinto che la situazione sarà così "almeno fino a metà gennaio. Purtroppo abbiamo perso tutti i vantaggi che avevamo sul virus, subito dopo l'estate". "Facciamo sempre gli stessi errori – aggiunge – gli arrivi in massa, gli assembramenti, i viaggi sconsiderati, i ritorni massivi da paesi a rischio. La somma di tutto questo ha determinato la crescita esponenziali dei contagi. Anzi noi non abbiamo i 30 mila contagi al giorni che ci sono in Lombardia". Il nuovo decreto, secondo Renato Costa "dice delle cose importanti, cioè che uno vaccinato con tre dosi può stare tranquillo" e "di avere una gestione migliore dei positivi e di poterli 'liberare' in un tempo minore". "Noi dobbiamo partire da un presupposto – aggiunge – tutto dipende dal comportanto, se è disordinato, è chiaro che può fare danno".

Poi, replicando a coloro che sostengono che i vaccini "non funzionano", come ha detto ieri anche l'attrice Diana Del Bufalo, Costa spiega: "Senza i vaccini oggi saremmo tutti morti". "Con questi numeri che non abbiamo mai avuto – dice – nonostante tutto la percentuale dei ricoverati non è paragonabile a quella dello scorso anno. Il che vuol dire che il vaccino ha protetto e ha fatto da scudo e ci ha permesso di riprenderci un pezzo di vita. Se torniamo ad avere i vaccini e i comportamenti corretti la situazione migliorerà".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli