Pallavolo: Lucchetta, 'mascherina in campo? Ben venga se aiuta ma serve uniformità regole'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 gen. (Adnkronos) – "La mascherina certamente non aiuta a giocare ma ben venga se serve a preservare la salute di chi scende in campo, è una soluzione che a me non spaventa. Se necessaria va bene, però ci deve essere unità di intenti e una uniformità nelle regole che devono trovare l'accordo del ministero e della Federazione". E' quanto afferma Andrea Lucchetta, campione del mondo con la nazionale di pallavolo italiana e oggi telecronista sportivo, che all'Adnkronos ha commentato la scelta della squadra maschile di pallavolo Tonno Callipo Vibo Valentia di scendere in campo con la mascherina nella gara contro l'Allianz Milano, iniziativa anti Covid già adottata nella precedente partita contro Modena.

"Negli Stati Uniti ad esempio le atlete hanno giocato tutte con le mascherine chirurgiche -ha proseguito Lucchetta-. Il 26 dicembre ho fatto la telecronaca di Modena contro Monza, i tamponi rapidi avevano trovato una positività poi allargata a un numero esagerato di giocatori con la partita rinviata, il giorno dopo i molecolari hanno dato solo due positività. Ci sono modi per bloccare il contagio prima di scendere in campo, gioca chi non è positivo, poi se ci possono essere nuove efficaci precauzioni da adottare non vedo perché non usarle".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli