Palù (Aifa): "Il vaccino AstraZeneca non è stato vietato, ma suggerito agli over 60"

Silvia Renda
·Collaboratrice Social News
·2 minuto per la lettura
(Photo: Elisabetta A. Villa via Getty Images)
(Photo: Elisabetta A. Villa via Getty Images)

Il vaccino AstraZeneca “non è stato vietato, non è controindicato neanche nei più giovani. Si sottoscrive un consenso informato, e se un 40enne o un 50enne lo vuole fare lo può fare, ovviamente c’è una anamnesi. Non c’è nulla che vieti”. Così il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù a ‘Mezz’ora in più’ di Lucia Annunziata su Rai3. Quella dai 60 in su è “un suggerimento per una età preferenziale” spiega Palù, e “l’approccio non è nè più nè meno che quello cautelativo sulla base dei dati che via via si producono”. Dai 60 ai 70 la vaccinazione è al 12%, lo stesso tra 70 e 80, mentre per over 80 è del 75%.

In queste fasce di popolazione, dai 60 in su, spiega Palù, ci sono i soggetti più esposti al rischio Covid. “Sappiamo che bambini e adolescenti si infettano raramente, dimostrano pochi sintomi, addirittura trasmettono poco e non muoiono, mentre il 65% di mortalità è sugli 80enni.

Quindi al di sotto dei 50 anni il rischio è sotto dell′1% di morire, poi nelle decadi più giovani è ancora meno, 0,01%, mentre dai 60 in su comincia a essere del 3% per salire alla decade 70-80 intorno al 12% fino al 19% di rischio morte negli ultraottantenni”, dice il presidente dell’Aifa.

Sugli over 60 per il vaccino AstrZeneca, l’Italia, ricorda Palù, è in linea con la Germania e la Spagna. “I francesi hanno adeguato le loro indicazioni dagli over 55, olandesi e paesi nordici hanno bloccato in attesa di ulteriori dati come il Canada e la Corea del Sud”.

Palù ha inoltre sottolineato il fatto che gli studi sono in continuo progresso e “quando si vaccinano milioni di persone” si acquisiscono via via nuovi dati.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.