Pamela Anderson critica sull'Italia: 'Va verso una nuova forma di fascismo'

Pamela Anderson, la sua passione per la politica si misura su Twitter (foto: Getty Images)

Mentre il Partito Democratico si sgretola nella sua personale lotta interna, guerra di potere per avere in mano il cerino di una forza politica che in due anni ha perso gran parte del consenso che aveva accumulato negli anni del boom di Matteo Renzi, l’opposizione dura al governo Salvini-Di Maio arriva da Baywatch.

Ebbene sì, la procace attrice Pamela Anderson, attivista a tutto tondo e ora appassionata di politica statunitense e estera, ha affidato a Twitter i suoi pensieri sull’Europa e sull’Italia. Si tratta di critiche verso il governo italiano e verso anche l’Europa in senso più generale, utilizzando come perno la sua contrarietà a politiche anti-immigrazione e a leggi che limitano le libertà individuali.


Pamela scrive: “Quello che sta accadendo in Francia in questi giorni (la rivolta dei Gilet Gialli, ndY) è un problema europeo tanto quanto lo sono, in Italia, le misure anti-immigrazione e lo scivolamento verso una nuova forma di fascismo. Il riferimento, secondo Pamela, è a Matteo Salvini, paladino delle politiche di destra che mirano a limitare il fenomeno migratorio.


Pamela scrive anche: “La soluzione non è più Macron o più Salvini, che hanno bisogno l’uno dell’altro e si rafforzano a vicenda. La soluzione non può che essere un risveglio pan-europeo che attraversi i confini e le nazionalità, in grado di affrontare la profonda crisi economica, sociale ed ecologica dell’Europa oggi”. L’attrice in sostanza auspica un progressivo annullamento dei confini nazionali, se non totale, almeno a livello di politiche. Una posizione che è ovviamente contraria a quella della Lega, che si pone infatti il dubbio – nel suo statuto – addirittura se rimanere nell’Euro.


Infine, ecco un altro tweet: “L’Italia è un paese meraviglioso, che amo molto per via del cibo, della moda, della storia e dell’arte, ma sono molto preoccupata dal clima attuale, che mi ricorda quello degli anni ’30”. Ovviamente Pamela non era nei paraggi in quell’epoca, come però molti di noi. Tuttavia non è la prima a paventare un rischio di ritorno al fascismo, in relazione anche ad altri paesi dove l’estrema destra raggiunge nuovi consensi (Spagna, Ungheria, Francia, addirittura la Germania).

Sotto i commenti di Pamela, si accumulano le risposte di utenti italiani, alcune decisamente sgrammaticate e in inglese stentato. Molti le dicono di pensare al proprio mestiere, altri le dicono di andare a studiare, altri ancora la insultano. Pamela è così entrata nel clima social italiano, ove la politica è un terreno di dileggio costante.

Chissà, magari al Partito Democratico serve proprio una come lei, per fare opposizione al governo: attualmente ha fatto più notizia di tutti i candidati attuali alla segreteria…

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: