'Pampers Nuova Vita', un gioco in plastica dal riciclo dei pannolini

·3 minuto per la lettura

Pampers Nuova Vita fa un passo avanti grazie alla collaborazione con Clementoni. Il progetto nasce a Verona nel gennaio 2020 dalla collaborazione tra Pampers, il Comune di Verona, Amia - Azienda Multiservizi di Igiene Ambientale ed Esselunga per raccogliere separatamente pannolini usati da riciclare tramite l'impianto sviluppato da Fater spa, azienda produttrice dei prodotti Pampers in Italia, e operativo presso Contarina spa.

Ad oggi sono 190 le tonnellate di pannolini usati raccolte dal progetto, evitando così l’immissione nell’ambiente di 77 tonnellate di CO2, pari a quella assorbita da 5.000 alberi in un anno; le materie prime contenute nei pannolini usati vengono sterilizzate, recuperate e rese disponibili per un loro nuovo utilizzo.

Un anno fa Pampers ha iniziato con il reimpiego della cellulosa realizzando un libro per bambini. Oggi, il programma Nuova Vita fa un nuovo passo avanti riutilizzando anche la plastica per creare un giocattolo grazie alla collaborazione con Clementoni. Fin dal 2019, Clementoni ha abbracciato la sostenibilità, lanciando sul mercato Play for Future, approccio trasversale a tutte le linee che propone prodotti eco-sostenibili realizzati in materiali riciclati e riciclabili con l’obiettivo di trasmettere ai bambini l’importanza del rispetto per l’ambiente attraverso il gioco. Clementoni per l’occasione presenta un’edizione rinnovata di Baby Garden, il 'giardino' della linea Baby Clementoni che fa riferimento al progetto Play for Future. Il nuovo Baby Garden sarà realizzato come sempre con plastica al 100% riciclata e deriverà il 15% del materiale dal riciclo dei pannolini del progetto Pampers Nuova Vita. I pezzi prodotti saranno 3000.

"Da sempre crediamo che il gioco possa essere strumento prezioso per l’apprendimento dei più piccoli e non solo. Abbiamo quindi scelto di avere un ruolo attivo nel promuovere i valori del rispetto dell’ambiente all’interno di una società che, sempre di più, pone la sostenibilità ambientale al centro dei percorsi educativi delle nuove generazioni. Per questo - spiega Enrico Santarelli Chief Marketing Officer&Commercial Director Italy Clementoni - sosteniamo con convinzione questi principi integrandoli nella nostra offerta, consci dell’importanza che i giochi rivestono nello sviluppo personale. L’idea è di offrire giocattoli fatti con materiali riciclati e riciclabili, fornendo anche tematiche di gioco il più possibile coerenti. Questo approccio è il cuore del progetto Play For Future che oggi evolve anche attraverso una collaborazione particolarmente vicina ai nostri valori, come quella con Pampers che con il progetto Nuova Vita ci consente di mettere a terra in modo 'potente' il nostro know how, i nostri valori, il nostro Made in Italy".

"Pampers Nuova Vita si inserisce nella più ampia strategia di sostenibilità sviluppata dall'azienda - dichiara Carlo Miotto, Baby Care&Corporate Digital Marketing Director di Fater - Siamo infatti concretamente impegnati ad offrire prodotti che migliorino la vita delle persone e al tempo stesso a ridurre l’impatto ambientale delle nostre attività. Il progetto Pampers Nuova Vita a Verona è un tassello importante: è finalizzato al recupero dei pannolini utilizzati e alla valorizzazione delle materie prime seconde che se ne possono ricavare grazie alla collaborazione con cittadini, istituzioni e partner di business. Perché solo insieme possiamo fare la differenza. Un anno fa abbiamo dato vita a 'La Nuova Vita di Lino', un libro illustrato per bambini realizzato in carta riciclata dai pannolini usati raccolti a Verona, e oggi facciamo un altro passo avanti con un giocattolo in plastica riciclata ricavata anche dai pannolini usati".

Ma come funziona Nuova Vita? Basta scaricare l’App Pampers Nuova Vita e cercare il cassonetto raccogli-pannolini più vicino che si aprirà automaticamente avvicinando lo smartphone. Una notifica comunica il peso dei rifiuti inseriti. Sono otto gli innovativi cassonetti dedicati, gli Smart Bin, posizionati nei pressi di asili e supermercati nella città di Verona. I pannolini vengono poi riciclati a Lovadina di Spresiano dove è operativo l'impianto di riciclo dei pannolini che recupera cellulosa, plastica e polimero super assorbente, materie prime seconde che avranno così una nuova vita in molteplici processi produttivi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli