Panchina amara per Esposito al Chieti: esonerato poche ore dopo l'ingaggio

La rabbia dei tifosi all'annuncio dell'ingaggio di Esposito quale nuovo allenatore ha portato il Chieti a esonerare il nuovo mister dopo poche ore.

Di esoneri a sorpresa la storia del calcio è ricca, ma quanto accaduto al Chieti Calcio , club che milita nel campionato di Eccellenza, è decisamente qualcosa di particolare: Carmine Esposito , allenatore ingaggiato dal club abruzzese per rimpiazzare l'esonerato Aielli è durato sulla panchina neroverde per poco più di due ore prima di venire esonerato.

Il Chieti non sta navigando in acque tranquille in campionato, è attualmente in zona playout, e anche i rapporti fra il presidente Trevisan e la tifoseria non sono dei migliori, visto che il massimo dirigente del club è soggetto a una forte contestazione.

La decisione di cambiare allenatore era volta a dare una sterzata alla stagione, ma la scelta di Esposito ha suscitato l'aspra contestazione da parte dei gruppi organizzati della tifoseria teatina, in particolare perché il nome dell'ex attaccante di Empoli, Fiorentina e Sampdoria è stato suggerito a Trevisan da un consulente di mercato inviso ai tifosi neroverdi.

Esposito non ha fatto nemmeno in tempo a guidare la squadra nel suo primo allenamento: i calciatori neroverdi, infatti, dopo un confronto coi tifosi hanno chiesto alla società l'esonero del mister e il presidente Trevisan non ha potuto far altro che rilevare l'insanabilità della situazione, dando così il benservito a Esposito.