Pandora Papers, da documenti emergono presunti legami tra leader globali e tesori segreti

·3 minuto per la lettura
Il Re di Giordania Abdulla II parla durante una sua vistita negli Usa

WASHINGTON (Reuters) - Un gran numero di documenti finanziari è stato pubblicato ieri da diversi media, mostrando presunti legami tra leader globali -- tra cui Re Abdullah di Giordania, il primo ministro ceco Andrej Babis e collaboratori del presidente russo Vladimir Putin -- e tesori segreti.

La fuga di oltre 11,9 milioni di documenti, per un totale di circa 2,94 terabyte di dati, giunge a 5 anni dai cosiddetti "Panama Papers", che avevano rivelato come un gran numero di figure influenti avesse nascosto la propria ricchezza in maniera tale da non poter essere rintracciata dalle autorità.

Il Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi (Icij), un network di giornalisti e organizzazioni media con base a Washington, ha detto che i documenti sono collegati a circa 35 leader o ex leader nazionali e oltre 330 politici e funzionari pubblici di 91 paesi. Il consorzio non ha detto come questi documenti siano stati ottenuti e Reuters non ha potuto verificare in maniera indipendente le accuse o i documenti.

Il Re di Giordania Abdullah, alleato chiave degli Stati Uniti, è stato accusato di aver utilizzato conti offshore per spendere oltre 100 milioni di dollari in case di lusso in Gran Bretagna e negli Stati Uniti.

Dla Piper, uno studio legale londinese che rappresenta Abdullah, ha detto al Icij che il re "no ha mai fatto un uso improprio dei fondi pubblici o fatto qualsiasi uso dei proventi derivanti da aiuti intesi per un utilizzo pubblico".

Il Washington Post, che è parte del consorzio, ha anche scritto del caso di Svetlana Krivonogikh, una donna russa che sarebbe divenuta proprietaria di un appartamento a Monaco attraverso un a società offshore registrata nell'isola caraibica di Tortola nell'aprile 2003, poche settimane dopo aver dato alla luce una bambina. Ai tempi la donna era coinvolta in una lunga relazione segreta con il presidente russo Vladimir Putin, secondo il giornale, che ha citato il sito investigativo russo Proekt.

Il Washington Post ha specificato che Krivonogikh, sua figlia adesso diciottenne, e il Cremlino non hanno risposto ad una richiesta di commento.

A pochi giorni dalle elezioni politiche in Repubblica Ceca dell'8 e 9 ottobre, i documenti citano presunti legami del primo ministro ceco Babis con una villa segreta da 22 milioni di dollari in una cittadina vicino Cannes.

Parlando ieri durante un dibattito televisivo, Babis ha negato qualsiasi illecito.

"I soldi sono stati inviati tramite una banca ceca, sono stati tassati, erano i miei soldi e sono stati inviati a una banca ceca", ha detto Babis.

I documenti mostrano anche come l'uomo d'affari indiano Anil Ambani e suoi rappresentanti possiedano almeno 18 società offshore registrate a Jersey, nelle Isole Vergini Britanniche e a Cipro, secondo l'Indian Express, parte dell'Icij.

Messe in piedi tra il 2007 e il 2010, sette di queste società hanno preso in prestito ed investito almeno 1,3 miliardi di dollari.

Nel 2020, dopo un disputa con tre banche statali cinesi, Ambani -- presidente di Reliance Group -- aveva dichiarato ad un tribunale britannico di avere un patrimonio netto pari a zero.

Un avvocato, il cui nome non viene citato, che rappresenta Anil Ambani, ha dichiarato all'Express: "Il mio cliente ha la propria residenza fiscale in India e ha fornito alle autorità indiane tutte le informazioni, come richiesto dalla legge. Tutte le considerazioni richieste sono state prese in considerazione quando sono state fornite le informazioni al tribunale di Londra. Reliance Group conduce affari a livello globale, e per ragioni legali e regolatorie, le società sono registrate in diverse giurisdizioni".

Ambani non ha immediatamente risposto a una richiesta di commento da parte di Reuters.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli