Panico sull'aereo per New York: si rompe il finestrino in volo, momenti drammatici

Panico sull'aereo per New York: si rompe il finestrino in volo, momenti drammatici
Panico sull'aereo per New York: si rompe il finestrino in volo, momenti drammatici

Momenti di panico sull'aereo della compagnia Polish Airlines che stava operando un volo tra Varsavia e New York. Da un momento all'altro, come mostrano le immagini di un video che rimbalza sui social, un finestrino del velivolo si è rotto mentre l'aereo si trovava a 300 km dalla meta americana, e a bordo è scoppiato il caos.

Assistere alla rottura di un finestrino dell'aereo è di certo una delle esperienze più traumatiche da vivere a bordo, soprattutto se il mezzo si trova ad alta quota e lontano dalla destinazione finale. E nel video che è diventato virale su TikTok, infatti, è chiaro come i passeggeri del volo internazionale abbiano vissuto momenti drammatici.

Tra chi è scoppiato in lacrime e altri, urlando, che hanno avuto crisi di nervi, sul volo della Polish Airlines sono stati momenti di tensione pura. Solo l'intervento degli steward ha placato gli animi dei passeggeri che, solo successivamente, hanno scoperto che il danno al finestrino non era poi così grave. Infatti, come riferito dalla compagnia aerea, a rompersi è stato lo strato elettrofotocromatico, quello che serve per scurire il vetro dell'oblò. La tenuta del finestrino, quindi, non è stata intaccata in quanto è stato garantito l'isolamento necessario per evitare la depressurizzazione del velivolo stesso

VIDEO - Boom del trasporto aereo nel primo trimestre 2022

Ma cosa sarebbe successo se a rompersi fosse stata la parte esterna del finestrino? In quel caso il panico in volo sarebbe stato più che giustificato dato che, alla rottura del vetro, possono seguire danni gravi. Infatti se il finestrino dovesse danneggiarsi, l'aereo corre il rischio di subire una depressurizzazione a causa della differenza di pressione tra l'esterno e l'interno del velivolo. In questo caso è necessario l'utilizzo immediato delle maschere d'ossigeno a bordo, che scendono dai rispettivi scompartimenti, poiché la depressurizzazione può causare la perdita di coscienza e ipossia.

Inoltre si assisterebbe alla cosiddetta "decompressione esplosiva”, cioè l'aria all'interno verrebbe risucchiata violentemente fuori per effetto della pressione artificiale, molto più forte di quella atmosferica fuori dal velivolo, creando un vero e proprio effetto risucchio che potrebbe portare a seri rischi per passeggeri e volo.