Panzarella (FenealUil) su Tav: "Infrastrutture sono interesse nazionale"

webinfo@adnkronos.com
"Finalmente una decisione a sostegno del settore costruzioni e dell'intero mondo industriale. Un passo fondamentale che chiedevamo da tempo e che, insieme al già avvenuto sblocco del Terzo Valico, grazie anche al nostro intervento, non può che portare benefici al Paese". Così il segretario generale FenealUil, Vito Panzarella, commenta con Adnkronos/Labitalia la decisione comunicata dal premier Giuseppe Conte a favore della Torino-Lione.  "Realizzarla - assicura - porterà indubbiamente un vantaggio sia dal punto di vista delle politiche industriali e del lavoro che dal punto di vista ambientale, dal momento che il trasporto su ferro inquina molto meno rispetto a quello su gomma".  "Siamo convinti - aggiunge il sindacalista - che questa, come altre grandi opere da sbloccare subito, tra cui va ricordata la 'Gronda di Genova', siano indispensabili se vogliamo che l’Italia torni a crescere, lavorando per ricucire le distanze tra Nord e Sud del Paese, colmando il divario con il resto dell’Europa e soprattutto puntando a migliorare le vite di noi tutti".

"Finalmente una decisione a sostegno del settore costruzioni e dell'intero mondo industriale. Un passo fondamentale che chiedevamo da tempo e che, insieme al già avvenuto sblocco del Terzo Valico, grazie anche al nostro intervento, non può che portare benefici al Paese". Così il segretario generale FenealUil, Vito Panzarella, commenta con Adnkronos/Labitalia la decisione comunicata dal premier Giuseppe Conte a favore della Torino-Lione.  

"Realizzarla - assicura - porterà indubbiamente un vantaggio sia dal punto di vista delle politiche industriali e del lavoro che dal punto di vista ambientale, dal momento che il trasporto su ferro inquina molto meno rispetto a quello su gomma".  

"Siamo convinti - aggiunge il sindacalista - che questa, come altre grandi opere da sbloccare subito, tra cui va ricordata la 'Gronda di Genova', siano indispensabili se vogliamo che l’Italia torni a crescere, lavorando per ricucire le distanze tra Nord e Sud del Paese, colmando il divario con il resto dell’Europa e soprattutto puntando a migliorare le vite di noi tutti".