Paola Ferrari e la querela a Mino Raiola: "Mi ha offeso, ricorro in appello"

·2 minuto per la lettura

“Sono della linea che le sentenze vanno accettate, ma ricorrerò comunque in appello: è stato gravissimo che Carmine Raiola abbia convocato una conferenza con tutti i giornali ed emittenti, nella quale ha fatto un attacco preciso a una critica che avevo espresso con toni non volgari”. Paola Ferrari commenta con l’Adnkronos la sentenza del Tribunale di Roma che le ha dato torto e la condanna a pagare le spese processuali nella causa per diffamazione intentata dalla giornalista contro il procuratore di Gigio Donnarumma,. “Questa offesa è stata ripetuta più volte - prosegue la giornalista della Rai, impegnata attualmente con Euro2020 - E oltre alla parolaccia reiterata, c'è il fatto di denigrare una giornalista che lavora da 18 anni e che esercita il suo dovere di critica. Non si può permettere di essere insultati anche attraverso i mezzi di stampa, come concetto e come precedente”.

VIDEO - Euro 2020, Paola Ferrari come Sharon Stone: i giornali stranieri commentano l'accavallamento

I fatti risalgono al 2017, quando Raiola convocò una conferenza stampa nella sua casa di Montecarlo per rispondere a un tweet della Ferrari nella quale la giornalista criticava l'atteggiamento attendista di Donnarumma teso a ottenere un vantaggio economico nel rinnovo del suo contratto con il Milan. Il procuratore in quell'occasione mandò, senza mezze parole e a microfoni aperti, per più volte 'a quel paese' la giornalista (usando una terminologia ben più colorita di questa), accusandola inoltre di aver sposato un uomo (Marco De Benedetti) che, gestendo il gruppo Carlyle, ai soldi pensa in tutti i momenti della giornata. 

“Questa decisione del giudice - che sentenzia ‘si è trattato di un generale fenomeno di impoverimento del linguaggio e del costume’, avverte la Ferrari - ancora non fa giurisprudenza, dato che ricorrerò in appello. Ma da domani, se la sentenza fosse confermata, tutti potrebbero offendere liberamente. E anche indire una conferenza al fine di insultare”.  

“Se sulla sentenza sia pesata la mia simpatia verso la destra? Non faccio della dietrologia, il mio lavoro non contempla ragionamenti di questo tipo – dice ancora la Ferrari – Rispetto la decisione del giudice anche se ricorrerò in appello. Così come rispetto, in questo senso, l’opinione di un quotidiano autorevole come Libero. Si è parlato molto di magistratura politicizzata ma questo non mi interessa, perché per me la magistratura è un faro di riferimento assoluto. In ogni caso - conclude - penso che il ministro della Giustizia dovrebbe trovare un minuto per riflettere sul ruolo del giornalismo e sul fatto che si possano esprimere delle critiche. E’ grave insultare chiunque, ma il giornalista ha un ruolo più esposto nel suo esercizio del dovere di critica e allora bisogna tutelarlo”. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli