Paola Ferrari: "Più che una giornalista Diletta Leotta sembra Belen"

HuffPost

“Per essere mio nemico devi essere molto importante, perché i nemici li scelgo bene”, parola di Paola Ferrari. La conduttrice, volto storico del giornalismo calcistico, si confessa senza filtri sul settimanale “Chi” alla vigilia del ritorno alla conduzione della trasmissione “La Domenica Sportiva”.

L’ultima volta la Ferrari ha condotto “La Domenica Sportiva” era durante la stagione 2013/2014, poi il cambio di conduzione voluto da Mauro Mazza, allora direttore di RaiSport. A distanza di molti anni, su quella scelta, la giornalista rivela:

“Lui è solo uno che mi ha fatto del male senza motivo”.

Nella’intervista, Paola Ferrari parla anche di alcune sue colleghe, padrone di casa di altri programmi calcistici: Ilaria D’Amico e Diletta Leotta (con quest’ultima c’era stata qualche tensione nei mesi passati, ndr).

“La D’Amico mi piace molto, ha uno stile unico ed è molto preparata, ha grande fascino ed è stata coraggiosa a fidanzarsi con Buffon sapendo che questa cosa non l’avrebbe aiutata [...] La Leotta? Non parlo di donne che non sono giornaliste sportive. Rischio di vederla a Sanremo e spero che non accada”

Sulla Leotta aggiunge:

“Mi piace, è brava, simpatica, divertente, ha proprietà di linguaggio e buca il video al di là delle forme, ha tutte le carte in regola ma secondo me non vuole diventare la nuova Ilaria D’Amico: la svolta che ha avuto mi sembra la avvicini a Belen più che a Monica Vanali o Anna Billò”

Paola Ferrari parla poi di Simona Ventura, che quest’anno tornerà su Raidue con “La domenica Ventura”, programma calcistico.

“Dovrei vedere il suo programma: sicuramente lei è la più brava conduttrice che ci sia per alcuni programmi, ma devo vedere come affronterà questa sfida. Di certo sarà divertente, ma non riesco a capire la connessione fra ‘Temptation Island Vip’, che ha condotto lo scorso anno, e un programma sul calcio”. 

Continua a leggere su HuffPost