Paola Taverna: "I 5 punti Pd? Vaghi. M5s dia la parola agli iscritti su Rousseau"

HuffPost

“Troveremo una soluzione”. Paola Taverna, storica esponente del Movimento 5 stelle e vicepresidente del Senato guarda ai prossimi step della crisi di governo e non esclude né l’opzione del voto né quella di un governo con il Pd. Come ha spiegato in un’intervista al Fatto Quotidiano, il discorso fatto da Zingaretti ieri in direzione non l’ha colpita particolarmente. Le condizioni da lui poste, spiega, non sono particolarmente precise. Per la vicepresidente del Senato, comunque, è necessario che il Movimento consulti gli iscritti sulla piattaforma Rousseau, per sentire il loro parere. 

Sui cinque punti programmatici proposti dal Pd dice:

Sono molto vaghi, potevano inserire anche la pace nel mondo.. Non mi dicono nulla in particolare.

Cosa fare, dunque, ora? Attendere la fine delle consultazioni e poi dare la parola alla base:

Spero che il Movimento abbia il tempo necessario per consultare i propri iscritti. Qualunque decisione verrà presa, sarà molto importante sentire il parere della gente sul web, sulla piattaforma Rousseau.

Paola Taverna non ha digerito la rottura di Salvini: “Evidentemente lo abbiamo sottovalutato e ci siamo fidati”, dice. Si definisce “dispiaciuta e arrabbiata” per la fine del governo gialloverde e si chiede perché il leader della Lega abbia deciso di creare lo strappo proprio ora:

Io nelle ultime settimane ho visto un altro Matteo. Non so se c’entrino ragioni politiche o giudiziarie, ma lui una vera giustificazione della rottura non ha saputo darla.

Continua a leggere su HuffPost