Pier Paolo Sileri: "Per i bimbi a bordo eravamo astronauti"

Gabriella Cerami
coronavirus

Tredici ore di volo, da Wuhan a Pratica di Mare, su un Boeing dell’Aeronautica Militare. All’interno dell’aereo una zona rossa sigillata da un telo trasparente, che dal tetto agganciava a terra, così da isolare l’area in cui si trovavano i 56 connazionali che dalla Cina sono rientrati in Italia in seguito all’emergenza del Coronavirus. Pier Paolo Sileri, viceministro della Salute, è da poco atterrato quando risponde al telefono: “I nostri connazionali sono tranquilli, è andato tutto bene. Non sono preoccupati per il periodo di quarantena che li attende e, me lo lasci dire, i bambini a bordo si sono anche divertiti. Per fortuna. Dicevano che eravamo vestiti da astronauti. In realtà eravamo coperti dalla testa ai piedi con le tute sanitarie”.

Il volo IAM1423 è partito dallo scalo internazionale di Wuhan quando in Italia erano le 22.55 di domenica sera e, come da programma, è atterrato alle 10 di questa mattina. A bordo oltre i 56 italiani, tra cui quattro bambini lattanti e sei con meno di dieci anni, c’erano l’equipaggio, il personale medico e due delegati del ministero della Salute, tra cui Sileri, soddisfatto per il lavoro portato a termine dal suo dicastero, dalla Farnesina e dalle Forze Armate.

 

 

“Ho da poco finito la decontaminazione rimuovendo gli indumenti pezzo per pezzo. Noi del ministero, l’equipaggio e il personale medico - racconta - indossavamo una mascherina, occhiali, una tuta completa che dalla testa copriva fino alle scarpe. E in questo modo durante la notte entravamo nella zona rossa per controllare come stavano le persone. I bambini si divertivano a vederci così mascherati, ci dicevano che eravamo degli astronauti”.

Sileri racconta che il viaggio è stato abbastanza tranquillo. Prima della partenza è stato fatto un primo screening sanitario in Cina. Un ragazzo italiano di 17 anni, studente a Wuhan, non ha potuto prendere il volo a causa della temperatura un po’ alta ed è rimasto dunque sotto osservazione,...

Continua a leggere su HuffPost