Papà Djokovic: "Novak è Spartacus del nuovo mondo, è come Gesù"

·1 minuto per la lettura
Novak Djokovic of Serbia in action during the Davis Cup Finals 2021, Semifinal 1, tennis match played between Croatia and Serbia at Madrid Arena pabilion on December 03, 2021, in Madrid, Spain.  (Photo by Oscar Gonzalez/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)
Novak Djokovic of Serbia in action during the Davis Cup Finals 2021, Semifinal 1, tennis match played between Croatia and Serbia at Madrid Arena pabilion on December 03, 2021, in Madrid, Spain. (Photo by Oscar Gonzalez/NurPhoto via Getty Images) (Photo: NurPhoto via Getty Images)

Il padre di Novak Djokovic ha definito il tennista “Spartacus” e “leader del mondo libertario”. E l’intera famiglia del tennista ha voluto rimarcare che lui non ha violato alcuna legge o regolamento australiano nel tentativo di entrare nel Paese e giocare il Grande Slam e che quanto sta accadendo è “il più grande scandalo diplomatico-sportivo della storia”.

Il padre del tennista, Srdjan Djokovic, ha descritto suo figlio come “un idolo, la luce in fondo a un tunnel” di fronte “all’oligarchia politica occidentale” che “si crede che il mondo sia suo”. E ha paragonato il tennista a “Gesù Cristo, che hanno crocifisso”, sostenendo che alcuni stanno ora cercando di “crocifiggere, umiliare e mettere in ginocchio” il figlio.

″È una lotta politica che non ha nulla a che fare con lo sport”, ha insistito l’uomo, in una conferenza stampa a Belgrado, definendo il premier australiano Scott Morrison uno “svergognato” che attacca l’“orgoglio” del mondo libero.

Djokovic è tutt’ora in Australia, in attesa che un tribunale decida lunedì sulla cancellazione del suo visto d’ingresso per violazione delle norme Covid. “Mi sento malissimo, è da ieri che lo tengono prigioniero. Non è giusto. Non è umano. Spero che vinca”, ha dichiarato la madre, citata da AP. “Una sistemazione terribile, terribile. È solo un piccolo hotel per l’immigrazione, se vogliamo chiamarlo hotel”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli